Modelle curvy: la body positivity della moda

La moda è in continua evoluzione, sia nelle collezioni che propone che nelle scelte dei modelli da far sfilare. Se questa è l'epoca della body positivity, allora alcuni grandi nomi del fashion stanno facendo un buon lavoro: Jacquemus, Gucci, Fendi, Versace e tanti altri scelgono modelli che non rispecchiano i canoni di bellezza tradizionali, il tutto all'insegna dell'inclusività

Modelle curvy body positive

Foto Getty Images | Vittorio Zunino Celotto

I canoni di bellezza sono in continua evoluzione e il concetto di body positivity, fortunatamente, si sta diffondendo sempre di più. Le campagne pubblicitarie dei grandi marchi di moda stanno diventando sempre più inclusive, tra tutte quelle di Alessandro Michele per Gucci, che si è anche guadagnato le polemiche di chi non comprende la scelta di usare modelli dalla bellezza non convenzionale.

Paris Fashion Week primavera estate 2021: tutte le novità!

Body positive tendenze
Foto Getty Images | Handout

Quando si parla di body positivity, d’altronde, si parla di molte cose: dell’accettarsi così come si è senza timore del giudizio estetico altrui, di essere sicuri di sé, di lanciare messaggi positivi a chi ha difficoltà a vedersi col giusto occhio e di sdoganare sempre di più anche quelle caratteristiche fisiche che non siamo stati abituati a considerare “belle”.

Tendenze autunno: cosa ci riserva il 2020

Gli stilisti scelgono anche modelle curvy

Un difetto nei tratti del volto, ad esempio, o anche e soprattutto la propria taglia. In quest’epoca di moda particolarmente fluida e in questa realtà parecchio ancorata all’apparire, quando sono proprio le case di moda a lanciare messaggi di body positivity, al pubblico viene da drizzare le orecchie ancora meglio.

Modelle curvy
Foto Getty Images | Handout

Dopo anni di polemiche sulla magrezza eccessiva delle modelle (magrezza che è ancora e probabilmente sempre sarà la caratteristica principale che una modella deve avere), vedere sfilare in passerella anche le plus size è una svolta rivoluzionaria. Proprio in questi giorni nel mondo si stanno presentando le collezioni primavera-estate 2021 e sono tantissimi i brand che hanno deciso di ingaggiare anche modelle non filiformi.

Scarpe green, l’ecosostenibile che va di moda

Le sfilate delle collezioni estive all’insegna dell’inclusività

Versace modelle curvy
Foto Getty Images | Handout

Versace, per esempio, che da sempre ci ha abituato a modelle e modelli magrissimi e super tonici, ha fatto sfilare anche taglie superiori alla 44: Alva Claire, Precious Lee e Jill Kortleve. Lo stesso stupore è stato suscitato dall’ultima sfilata di Alberta Ferretti, a cui hanno partecipato modelle curvy che raramente avevamo visto partecipare ai suoi eventi.

Stivali per l’autunno? Corti e super colorati: ecco tutti i look da copiare

Jacquemus modelle curvy
Foto Getty Images | Pascal Le Segretain

Jacquemus non è da meno, lo stilista amante dei capi oversize e degli omaggi agli anni ’90 sceglie spesso modelle curvy per indossare i suoi capi, ad esempio l’olandese Jill Kortleve, che ha spopolato anche sulle passerelle di Alexander McQueen, Valentino, Chanel e Mugler. E poi la celeberrima Ashley Graham: l’abbiamo vista indossare i capi impalpabili della collezione estiva 2021 di Fendi, per la prima volta dopo aver partorito suo figlio Isaac.

Tendenza ottobre 2020: colori chiari e capi in maglia

Tendenze inclusività
Foto Getty Images | Vittorio Zunino Celotto

Quella di Fendi è stata la sfilata trionfo dell’inclusività: a solcare la passerella al fianco delle più note top model del mondo, c’erano anche Paloma Elsesser, Jill Kortleve, la settantenne Penelope Albero, le cinquantacinquenni Yasmin Le Bon e Cecilia Chancellor.

Tendenze autunno 2020: 5 calzature irrinunciabili

Parole di Martina Di Paolantonio

Laureata in Moda e Costume e da sempre appassionata di cinema, arte contemporanea e scrittura. Amo scovare i dettagli particolari delle cose e raccontarli nel modo più glamour possibile.