T-shirt con scritte, quando e quanto si comunica

La t-shirt può essere indossata per sottolineare la propria essenza, il proprio carattere e stile di vita. Che siano scritte ironiche, personalizzate o particolari, le t-shirt sono un capo casual ma anche elegante (se mixato con gonna midi e sandalo) destinato a rimanere nel nostro armadio per sempre!

Ragazza con una scritta sulla maglietta

Foto Getty Images | Vivien Killilea

Ditelo con una t-shirt! Più democratica e ribelle dell’ingessata camicia bianca, la t-shirt fa parte dei capi icona che ogni guardaroba femminile deve prevedere al suo interno. Alla t-shirt affidiamo anche messaggi di vario stile e natura: da scritte ironiche a quelle più filosofiche, da quelle più comuni a quelle personalizzate e ricamate. Qui vi mostriamo alcune t-shirt con scritte tutte da indossare. A voi la scelta del messaggio che vorrete comunicare.

Continua a leggere

Leggi anche: collezione H&M 2020, cosa indossare

Continua a leggere

T-shirt con scritte ironiche

L’ironia è un’arma vincente! Non prendiamoci troppo sul serio e utilizziamo una maglietta bianca per comunicare il nostro stato d’animo, un pensiero, uno statement, un giudizio. Che vogliate essere nette, taglienti o semplicemente divertenti, ogni t-shirt può essere cambiata a seconda della giornata e della luna, più o meno storta, che vi caratterizza. Probabilmente gli altri intorno vi prenderanno per quello che siete, delle persone ironiche e divertenti.

Continua a leggere

Cosa mettere in valigia? 7 oggetti per un kit perfetto, a prova di estate

T-shirt con scritte personalizzate

Avete un messaggio a cui siete particolarmente affezionate? Una scritta del cuore, o una citazione del vostro libro preferito? Probabilmente allora potreste aver voglia di stampare quel messaggio su una t-shirt e portarlo sempre con voi. Le t-shirt stampate sono a portata di mano, basta rivolgersi anche semplicemente a copisterie o a centri fotografici che producono merchandising, anche online. Per essere ancora più creative, cercate t-shirt con messaggi ricamati o dipinti, la consistenza del filo o dei colori usati darà ancora più valore ai vostri messaggi.

La moda anni ’70 è tornata! Ecco cosa indossare

Continua a leggere

Continua a leggere

Leggi anche: tuta elegante, i modelli più belli

T-shirt con scritte particolari

In alcuni casi la t-shirt può essere un vero e proprio manifesto, uno statement, di un pensiero che vorremmo fosse universale, che travalicasse i confini per “attaccarsi” al pensiero di tante persone. E allora la t-shirt è certamente bianca con una scritta forte in nero, per rendere, anche graficamente, il messaggio più incisivo. Maria Grazia Chiuri, Direttrice creativa di Dior, che del femminismo ha fatto la sua bandiera, non è nuova a messaggi a favore delle donne e la sua maglietta con la scritta “We all should be feminists” è ormai diventata il suo marchio di fabbrica, un messaggio universale che dovrebbe appartenere proprio a tutti.

Continua a leggere

View this post on Instagram

Le immagini surrealiste riescono a rendere visibile quello che di per sé è invisibile. Sono incuriosita dal mistero e dal magico, che offrono anche un modo per esorcizzare la morte e l’incertezza del futuro. La direttrice artistica di Dior, femminista convinta (e amante delle bambole!) per la nuova collezione Haute Couture 20/21 si è ispirata ai lavori di Lee Miller, Leonora Carrington, Dora Maar, Jacqueline Lamba, Dorothea Tanning. Artiste capaci di superare il ruolo di musa a cui la loro bellezza le aveva confinate inizialmente, e di mettere in scena con la loro vita e la loro opera una femminilità altra. Tra gli abiti spettacolari della collezione spiccano un Long Dress da dea greca e un mantello nero . . . Les images surréalistes parviennent à rendre visible ce qui est en soi invisible. Je m’intéresse au mystère et à la magie, qui sont aussi une façon d’exorciser l’incertitude quant au futur. La directrice artistique de Dior, Maria Grazia Chiuri, est une féministe convaincue (et passionnée de poupée!) Pour la nouvelle collection Haute Couture 20/21 s'est inspirée des œuvres de Lee Miller, Leonora Carrington, Dora Maar, Jacqueline Lamba, Dorothea Tanning. Des artistes capables de dépasser le rôle de muse auquel leur beauté les avait initialement cantonnés, et de mettre en scène une féminité autre avec leur vie et leur travail. Parmi les robes spectaculaires de la collection se démarquent une robe longue de déesse grecque et un manteau noir.

A post shared by Italian Style 👩👩🏻 strategists (@italianstyle_lab) on

Perché non dobbiamo dare retta a chi dice che siamo grasse

Parole di Laura Galloppo

Laura Galloppo, Communication specialist e content editor con esperienze in Italia e all’estero. Di francese ho solo un'inconfondibile “erre moscia”, ma le mie origini richiamano il canto della sirena Partenope. Curiosa ed inarrestabile, scrivo e mi prendo cura delle storie di moda e dei progetti culturali e sociali in cui credo nel blog Instant Mood. Le parole sono la mia forza, il museo la mia oasi di pace. Nei miei sogni compaiono abiti di Valentino.

Da non perdere