Cosa avere nell'armadio per costruire un look classico

Un look classico è adatto a qualsiasi occasione, non necessariamente formale. Ecco le linee guida da seguire quando si fa shopping

look classico blazer grigio felpa pantaloni neri cappellino baseball borsa Dior azzurra

Foto Getty Images | Jeremy Moeller

Ci sono abbinamenti intramontabili che non passano mai di moda, fatti di capi che non butteremo mai vita. Ecco cos’è il look classico: una divisa che potremo indossare ogni giorno, in qualsiasi occasione, sicure di essere sempre ultra chic.

Creare un look classico è semplice, se si hanno a disposizione i capi e gli accessori giusti. In generale, tutto ciò che è minimal è perfetto per questo stile, ma ci sono alcuni pezzi imprescindibili. Ecco quali sono.

Il capospalla

Che sia estate o inverno, il look classico prevede un capospalla. Potremmo dividerli in tre macro categorie: i cappotti, le giacche (che comprendono pelle e blazer), la camicia.

cappotto nero off-white
Foto Farfetch | Off-White – Cappotto monopetto oversize

Partiamo dall’ultimo: sì, avete capito bene, la camicia può essere un capospalla. In estate, quando giacca e cappotto sono un lontano ricordo, una camicia di lino o cotone leggero sarà perfetta abbinata ad una canottiera.

Cappotto e giacca, invece, non hanno bisogno di spiegazioni. Linee pulite, tagli classici, palette neutra. Unico vezzo può essere la taglia: giocate sulle dimensioni, extra corta o oversize.

Look blazer taglio maschile
Foto Getty Images | Edward Berthelot

Il pantalone

Anche in questo caso, facciamo due categorie: il denim, tutto il resto.

Per i jeans, il look classico richiede forme morbide. Ognuna ha un fisico diverso e per il look classico dovrà trovare il modello perfetto alle proprie forme, purché calzi come un guanto.

pantaloni a palazzo
Foto Mango

Per “il resto”, parliamo principalmente di pantaloni sartoriali. Al look classico si adattano tutti i tagli: flare, palazzo, bootcut, capri, ma niente pattern o fantasie.

Felpe e maglioni

Il maglione è un must: lana o cachemire per l’inverno, cotone o misto lino per la primavera. Girocollo è meglio, scollo a V per un look più femminile, collo alto per le giornate ventose.

Sappiamo che la felpa potrebbe non sembrare adatta ad un look che si definisca classico, ma lo è. Deve essere girocollo, grigia, leggermente oversize. Niente stampe, si abbinerà perfettamente anche ai pantaloni di un tailleur.

Felpa oversize
Felpa oversize | Foto Zara

Calzature

In questo caso bisognerà dividere in rasoterra e tacco alto. Dalla prima categoria, avrete assolutamente bisogno di un paio di sneakers, meglio se bianche, un paio di mocassini, uno stivaletto. Per il tacco, ricordate che il look classico non vuole niente di esagerato: altezza che non superi i 10 centimetri.

Accessori: borse, occhiali, gioielli

Per quest’ultima categoria dovrete stare ancora più attente a non farvi prendere la mano. Esagerare, quando si parla di accessori, è un attimo. Per il giusto look classico meno è meglio.

victoria beckham camicia bianca pantaloni palazzo
Getty Images | Gareth Cattermole/BFC

Un look classico che si rispetti richiede tre borse: una tote bag dove mettere di tutto, una tracolla semplice adatta a tutte le occasioni, una pochette per la sera.

Gli occhiali da sole dovranno essere extra large e very black, non si discute.

Collana a cascata con catene
Foto Mango

I gioielli: niente pietre colorate, o, se proprio vi piacciono, limitatevi a una singola pietra per volta. Anelli sottili, da indossare anche su tutte le dita. Catenine con ciondoli classici, orecchini a bottone (a meno che non sia una cena elegante, allora qualcosa di lungo ma non decorato).

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection