Pride Month 2021: le capsule collection e le iniziative benefiche del mondo della moda

Il Mese dell'Orgoglio è il momento per riflettere sui diritti e la visibilità della comunità LGBTQIA+ e il mondo della moda lo celebra con collezioni esclusive (e donazioni)

pride month

Foto Unsplash | Cecilie Johnsen

Giugno è il Pride Month, ovvero il mese dedicato alla visibilità della comunità LGBTQIA+. La scelta di giugno non è casuale: in questo mese nel 1969 ci furono le rivolte di Stonewall a New York, ovvero manifestazioni e proteste da parte della comunità gay dopo gli sgomberi e gli attacchi della polizia allo Stonewall Inn nel Greenwich Village, celebre punto di incontro. Quello fu il momento che sancì la nascita del movimento per la richiesta di maggiori diritti e la lotta alla discriminazione.

Per questo motivo, ormai diversi anni, il mese di giugno si tinge di arcobaleno per manifestare solidarietà e sottolineare l’importanza di parità di diritti. Il mondo della moda ovviamente celebra il Pride Month in maniera adeguata, con capsule collection ad hoc e che hanno finalità benefiche.

Ecco alcune iniziative (e collezioni) molto interessanti

Calvin Klein

#ProudInMyCalvins è l’hashtag ufficiale della collezione Pride del brand americano, che include intimo, costumi da bagno, t-shirt è molto altro. I capi hanno colorazioni o alcuni dettagli, come per esempio l’iconico elastico, giocati sui toni dell’arcobaleno e sono stati presentati da una campagna chi celebra l’inclusività e la non binarietà.

Vans

https://www.instagram.com/p/CPYXHKvI6EW/

In occasione del Pride Moonth, Vans donerà 200 mila dollari a diverse organizzazioni internazionali che si occupano dei diritti della comunità LGBTQ+  GLSEN, Casa 1, Where Love is Illegal e Tokyo Rainbow Pride. Inoltre, propone una versione rivisitata di alcuni modelli, ovvero le Classic Slip-On, Era, Sk8-Mid e UltraRange, ma anche t-shirt e accessori tutte caratterizzate dalla fantasia rainbow per una mini-collezione imperdibile..

Levi’s

https://www.instagram.com/p/CPdguafnFK6/

La campagna Levi’s si chiama Alla pronouns. All love, sottolineando non solo l’intento di dar voce alle persone gay, ma anche a quelle trans, queer e non-binarie: tutti sono accolti e ben accetti.

Da sempre schierato, il celebre marchio non solo propone per questo mese una collezione unisex, ma farà importanti donazioni all’associazione OutRight Action International, impegnata nei diritti umani.

Ugg

https://www.instagram.com/p/CPavGBopKik/

La capsule Pride di Ugg propone ciabatte fluffy, abbigliamento e accessori coloratissimi, con due testimonial d’eccezione: Lil Nas X e Hari Nefis.

Inoltre il marchio donerà 25 dollari (fino a raggiungere il tetto di 125 mila) per ogni paio di Disco Stripes acquistato sul sito ufficiale a GLAAD, organizzazione no profit che si batte per favorire accettazione e uguaglianza. Ugg poi ne donerà 20 mila anche al Terrence Higgins Trust (UK) e all’Organization for Human Health and Happiness (Germania).

Balenciaga

https://www.instagram.com/p/CPYMzkmL51D/

Il direttore creativo di Balenciaga Demna Gvasalia ha politicizzato in un certo senso, il marchio francese, con slogan e campagne particolari. Per il Pride Month, propone una collezione genderless che prende in giro il logo del brand americano Gap e lo fa diventare Gay. Ci sono anche intimo e accessori con l’immancabile arcobaleno.

Il 15% del ricavato della collezione Pride 2021 verrà devoluto a a The Trevor Project, la principale organizzazione internazionale che combatte il suicidio giovanile tra la comunità LGBTQ+.

Parole di Carlotta Tosoni