Come coltivare i girasoli in vaso: consigli utili per uno dei fiori più solari

Coltivare i girasoli in vaso direttamente a casa è abbastanza facile. Questa pianta annuale, dai fiori solari, colorati e profumati, è ideale per un balcone sempre estivo e allegro. Come è facilmente intuibile dal suo nome, la pianta di girasole cerca il sole e la luce e può essere curata per durare tutto l’anno.

Ragazza in un campo di girasoli

Foto Shutterstock | Africa Studio

I girasoli – il cui nome scientifico è Helianthus Annuus – sono una pianta annuale appartenente alla famiglia delle Asteraceae, che può essere facilmente coltivata in vaso a casa, seguendo alcuni piccoli accorgimenti.

Continua a leggere

Te lo dico in codice: scopri il significato dei fiori!

Continua a leggere

Siamo solitamente abituati ad ammirare i girasoli nei campi coltivati, ma se volete rallegrare il vostro balcone, sappiate che si può anche piantare in vaso. Come suggerisce il nome – “helios” vuol dire “sole” e “anthos” significa “fiore” – la particolarità di questa pianta è quella di cercare la luce e mettere allegria con il giallo e l’arancione acceso dei suoi fiori. Cosa fare e come coltivare, quindi, i girasoli in vaso? Scopriamo alcuni consigli utili per uno dei fiori più solari.

Continua a leggere

Il girasole in vaso

Il girasole in vaso
Foto di fotoknips/Shutterstock.com

Il girasole in vaso può essere coltivato semplicemente partendo dai semi o effettuando il travaso di una piantina. Potete scegliere tra il girasole nano e quello gigante: il primo è perfetto per piccoli ambienti, mentre il secondo ha bisogno di vasi più grandi. Il consiglio è quello di acquistare dei vasi di un diametro di almeno 50 centimetri con una profondità di 25-30 centimetri, così da consentire alla pianta di girasole di svilupparsi senza problemi ed, eventualmente, travasarla successivamente.

Sai come si cura il girasole? Scoprilo qui!

Continua a leggere

Continua a leggere

La semina del girasole

La semina del girasole
Foto di stockphoto mania/Shutterstock.com

Il periodo adatto per piantare i semi di girasole è quello che va dall’inizio della primavera all’inizio dell’estate. Si tratta di una pianta che cresce al meglio in terreni umidi, fertili e correttamente irrigati. Per procedere con la semina, fate come segue:

  • Create uno strato che sia drenante sul fondo del vaso, utilizzando dell’argilla espansa;
  • Aggiungete uno strato di materiale organico e del terriccio, fino ad arrivare a un paio di centimetri dal bordo del vaso;
  • Fate dei buchi profondi al centro del vaso di circa 3-4 centimetri, in un terriccio universale con pH compreso tra 6 e 7,5;
  • In ciascun buco, inserite tre semi;
  • Ricoprite con terriccio;
  • Inumidite per mantenere il terreno umido.

Scopri il significato del girasole!

I primi germogli dovrebbero spuntare dopo una settimana circa, ma non dimenticate di trapiantarli in un vaso singolo quando raggiungeranno 7 centimetri di altezza. Per coltivare i girasoli, è importante anche sostenere la crescita della pianta, utilizzando dei cordini o delle canne di bambù, se necessario. Ovviamente, questa pianta ha bisogno di molta luce, almeno 4-5 ore di esposizione quotidiana: è necessario, dunque, riporre il vaso in una posizione soleggiata, ma che sia al riparo dal vento. La fioritura del girasole avverrà tra agosto e settembre.

Continua a leggere

Continua a leggere

L’annaffiatura del girasole in vaso

Annaffiatura del girasole
Foto di Sunny studio/Shutterstock.com

Per quanto riguarda l’annaffiatura del girasole in vaso, il terreno dovrà essere sempre umido, garantendogli acqua con regolarità: l’acqua dovrà essere versata direttamente sul terreno e mai sulle foglie e i fiori. Fate attenzione, però, ad evitare pericolosi ristagni idrici, che possano far marcire la pianta. Annaffiate circa ogni due giorni, la mattina presto e la sera.

La concimazione

La concimazione del girasole
Foto di Yuriy Lukin/Shutterstock.com

Per coltivare i girasoli, è importante concimare adeguatamente, scegliendo un prodotto nutriente che possa garantire il giusto apporto di potassio, azoto e fosforo: basterà un fertilizzante organico per agevolarne la crescita. Fate, inoltre, attenzione che non si compaiano ruggine, muffe o funghi: nel caso in cui dovessero presentarsi problemi del genere, chiedete al vostro vivaio di fiducia dei prodotti specifici per risolvere il problema, nel minor tempo possibile.

Continua a leggere

Continua a leggere

La potatura del girasole in vaso

La potatura del girasole
Foto di VelP/Shutterstock.com

Come procedere con la potatura del girasole in vaso? Generalmente, per coltivare i girasoli non è necessaria alcuna potatura, ma è importante garantire un aspetto ordinato e pulito: in caso di girasole appassito, eliminate le parti in questione, così come quelle secche. Trattandosi di una pianta annuale, quando appassisce si dovrà aspettare la fioritura l’anno seguente. Infine, per raccogliere i semi – magari, per preparare un risotto affumicato con semi di girasole – tagliate lo stelo e mettetelo a testa in giù, così da far seccare del tutto il fiore.

Parole di Elena Arrisico

Da non perdere