Ricette detox con le lenticchie: 5 piatti da provare

Le lenticchie non sono solo un'ottima fonte di proteine, ma il perfetto ingrediente per una mini detox. Ecco 5 le ricette da provare subito

lenticchie secche gialle rosse verdi

Pixabay | yilmazfatih

A gennaio una delle rimanenze delle festività per il nuovo anno sono sempre le lenticchie. Molti le regalano poco prima di Capodanno come augurio per l’anno nuovo, ma cosa fare di quelle che restano? 

Le lenticchie però non sono solo un piatto porta fortuna da consumare insieme al cotechino, sono un vero e proprio super food.

Vi spieghiamo perché le lenticchie sono perfette per una mini detox senza privazioni e vi consigliamo anche qualche ricetta per gustarle al meglio.

Perché fanno bene le lenticchie

Come detto, le lenticchie non sono solo buone, ma fanno anche bene. Questi piccoli legumi sono una perfetta fonte di proteine e di carboidrati complessi, motivo per il quale vengono consumate con una certa frequenza nelle diete vegetariane e vegane.

Sono anche molto ricche di ferro, fosforo e vitamine del gruppo B. Ma non solo: la grande quantità di fibre, accompagnata da uno scarso apporto di grassi insaturi, hanno un effetto benefico sia sull’apparato intestinale, sia nella prevenzione dell’arteriosclerosi.

Come evitare il gonfiore

Molti lamentano l’effetto gonfiante dei legumi, e quindi anche delle lenticchie. La realtà è che ci sono modi semplicissimi per prevenire questi disagi.

Primo tra tutti è quello, nel caso non si sia abituati a consumare lenticchie o altri legumi, di inserirli poco per volta: un cucchiaio di lenticchie al giorno per iniziare, magari mescolato alla zuppa o come fonte proteica in un’insalata per iniziare, aumentando via via le dosi.

Soprattutto agli inizi, poi, sarebbe bene consumare lenticchie decorticate, ovvero private del rivestimento esterno responsabile della formazione di aria nell’apparato digerente. Per ovviare a questo effetto collaterale, poi, si potrebbero scegliere lenticchie germogliate, ancora più ricche di proprietà benefiche e più facili da digerire.

bowl lenticchie avocado
Pexels | Roman Odintsov

Come cucinare le lenticchie

Per la cottura, diversamente da altri tipi di legumi, le lenticchie generalmente non richiedono l’ammollo. È comunque bene, soprattutto per evitare il sopracitato “effetto gonfiante”, lasciarle in abbondante acqua fredda un’ora (o anche tutta la notte), in modo che il rivestimento si ammorbidisca.

Bisogna poi ricordare che è necessario pulire accuratamente le lenticchie, perché potrebbero essere presenti sassolini, bucce vuote o legumi rovinati. Per farlo basterà metterle in ammollo qualche momento e poi risciacquarle abbondantemente separandole dai residui.

Per la cottura vera e propria, sarebbe bene utilizzare una pentola dal fondo alto riempita di acqua fredda. Dal momento del bollore, la cottura può variare tra i 30 e i 60 minuti (generalmente è indicato sulla confezione) in base al tipo di lenticchia.

Infine, è importante aggiungere il sale solo a fine cottura, quando le lenticchie saranno al dente, per evitare che si induriscano, rovinandone la cottura.

Le migliori ricette detox con le lenticchie

Se a questo punto siete incuriositi e avete in mente di iniziare una piccola detox, ecco qualche ricetta perfetta per consumarle in modo sano e gustoso.

Lenticchie in umido

Questa è, potremmo dire, la “ricetta base”. Le lenticchie in umido sono perfette sia piatto unico, sia come contorno in accompagnamento ad altre pietanze. Si possono accompagnare con del pane casereccio o purè di patate.

daal lenticchie
Pexels | Shiva Kumar

Zuppa di lenticchie

Anche in questo caso, parliamo di una preparazione “tradizionale”: la zuppa di lenticchie. Questo piatto può essere arricchito in molti modi: con l’aggiunta di patate (magari dolci), o altre verdure, come porri e carote. Si presta benissimo anche all’aggiunta di spezie, come la curcuma, aumentandone le proprietà benefiche.

Per chi preferisce zuppe dalla consistenza più densa, consigliamo di preparare la zuppa il giorno prima, in modo che riposino e abbiano il tempo di assorbire completamente i propri succhi. 

Polpette di lenticchie

Se in umido e la zuppa fanno già parte del vostro ricettario, forse non avete ancora provato le polpette di lenticchie. Gustosissime palline di legumi perfette per un secondo piatto detox. Possono essere utilizzate per farcire una piadina, accompagnate da una ricca insalata con verdure di stagione, oppure intinte in una salsina a base di yogurt e spezie.

zuppa lenticchie
Pexels | alesiakozik

Pasta con le lenticchie

Se siete appassionati di pasta e carboidrati (che non vanno mai temuti, perché sono alla base della nostra alimentazione), la pasta con le lenticchie farà al caso vostro. È un piatto semplice, contadino, che scalda e sa di casa. La preparazione è molto facile, ma può essere facilmente trasformato in una pietanza più complessa: si può guarnire con della pancetta croccante, foglie di salvia fritte e una grattata di pepe.

Ragù di lenticchie

Questa è una ricetta cara a chi non consuma carne, perché è perfetta per sostituire il classico ragù nella preparazione delle lasagne. Il procedimento, in effetti, è esattamente quello della classica salsa, ma invece della trita si utilizzano i legumi. Una volta pronto, il ragù di lenticchie può essere usato per la vostra pasta al forno, o anche solo per condire un piatto di penne.

Parole di Elena Pavin