Meghan Markle cancella il baby shower: "Adesso non è appropriato"

Meghan Markle Harry e Archie

Foto Getty Images | Toby Melville

Era il 2019 quando Meghan Markle volava negli Stati Uniti a bordo di un jet di lusso per festeggiare il baby shower del nascituro Archie con le amiche più care. Un viaggio da circa mezzo milione di euro, a quanto pare, che destò scalpore e molte critiche anche tra i fan della coppia. Oggi, a distanza di due anni, Meghan e Harry aspettando il loro secondo figlio, una bambina, per la quale tuttavia non ci sarà nessun baby shower!

Perché Meghan ha cancellato il baby shower

Infatti, secondo quanto rivelato dal Daily Express, i duchi di Sussex hanno preferito cancellare i festeggiamenti rituali, in quanto si tratta di un momento poco opportuno. Le ragioni sono molteplici: la morte del principe Filippo, le tensioni con la Famiglia Reale e una pandemia che sta mettendo in ginocchio il mondo intero. Ma a trattenere la coppia dall’organizzare il baby shower per la piccola in arrivo sarebbero specialmente i loro impegni umanitari. I Sussex sono “troppo presi dalle questioni umanitarie” per disperdere energie in party e feste mondane, rivela un insider al Daily Express. Insomma, sembra che Harry e Meghan siano decisi a votarsi totalmente alle opere di beneficenza, in particolare attraverso la loro fondazione Archewell.

Harry e Meghan, la storia d’amore continua…

A distanza di oltre un anno dalla loro partenza dal Regno Unito, Harry e Meghan sembrano più affiati e innamorati che mai, uniti dalla loro vocazione filantropica, determinati a vivere una nuova vita, lasciandosi alle spalle il loro passato da membri reali. Eppure, nonostante le dichiarazioni e le accuse mosse alla Famiglia Reale durante l’intervista da Oprah Winfrey, sembra che Meghan Markle non voglia abbandonare il titolo di duchessa, tanto che sulla copertina del suo libro per bambini si legge nientemeno che la firma della Duchessa di Sussex!

Leggi anche: Il libro per bambini di Meghan Markle è stato accusato di plagio (e non solo)

Parole di Linda Pedraglio