Questa dieta potrebbe ridurre i rischi di contrarre alcune malattie

La dieta Mind aiuta a ridurre il rischio di malattie croniche, a prevenire il declino cognitivo e a perdere peso

piatto pesce verdure

Foto Pexels | Valeria Boltneva

La cosiddetta dieta Mind ha generato parecchio interesse. Questa, infatti, combina aspetti della dieta mediterranea e di quella Dash contro l’ipertensione per creare un piano alimentare focalizzato sulla salute del cervello. L’obiettivo è quello di proporre un regime alimentare utile a prevenire la demenza e il declino cognitivo legato all’età.

La dieta Mind, inoltre, offre anche altri benefici, come la riduzione del rischio di contrarre malattie croniche e la perdita di peso.

Ecco quindi come seguire questa dieta, cosa dice la ricerca e quali potrebbero essere i potenziali “svantaggi”.

Cos’è la dieta Mind

Mind è l’acronimo di “Mediterranean Dash Intervention for Neurodegenerative Delay”. Per abbracciare questa dieta, piuttosto che un piano di pasti prestabilito, dovrete mangiare regolarmente porzioni di 10 alimenti che fanno bene al cervello.

I dieci alimenti da inserire nella propria alimentazione per intraprendere la dieta Mind sono:

  • Verdure a foglia verde: sei o più porzioni alla settimana
  • Ortaggi: almeno una porzione al giorno
  • Noci: cinque o più porzioni a settimana
  • Frutti di bosco: almeno due porzioni a settimana
  • Fagioli: almeno 4 porzioni a settimana
  • Pesce: almeno una volta a settimana, prediligendo quelli ricchi di omega-3, come Salmone, Sardine, Sgombro, Trota e Tonno.
  • Pollame: 2 o più volte alla settimana, evitando il fritto
  • Cereali: almeno tre porzioni al giorno

Nella dieta Mind è consigliato utilizzare l’olio d’oliva come condimento principale. Il piano, inoltre, suggerisce di evitare gli alimenti fritti, limitandoli ad una volta a settimana.

Nella lista di cibi da limitare, o evitare, troviamo invece: burro e margarina, formaggi, vino, carne rossa e dolci.

Benefici

La dieta Mind ha molti pro. Oltre ad essere un modello alimentare sano e focalizzato su cibi ricchi di sostanze nutritive, può aiutarvi a prevenire le malattiche cardiache, il diabete di tipo 2 e il cancro. Inoltre, può aiutare a ridurre la pressione sanguigna e a migliorare la digestione.

Attenzione però: essendo una dieta “recente”, ci sono meno studi sui suoi risultati. Ciò nonostante, uno degli studi pubblicati ha evidenziato che, un migliaio di adulti più anziani che hanno seguito la dieta Mind hanno evidenziato un rischio inferiore del 53% di sviluppare il morbo di Alzheimer rispetto ad altri soggetti che non hanno seguito questo regime alimentare.

Gli studi effettuati, inoltre, hanno già dimostrato che la dieta Mind fa bene al cervello. Questo regime alimentare aiuta infatti a tenere attiva la memoria e a ritardare il declino cognitivo non solo negli adulti più anziani, ma anche nei giovani.

Svantaggi della dieta Mind

Se avete deciso di approcciarvi a questo regime alimentare, dovete tenere in considerazione che, affinché questa funzioni, è importante capire in quali quantità assumere gli alimenti consigliati.

Questo perché, se assumete troppi cibi salutari, come quinoa, riso integrale e noci, rischiate di vedere gli effetti contrari e prendere peso, invece di perderlo. Se invece la vostra alimentazione è composta principalmente da alimenti trasformati, assumere più verdure e cibi sani vi aiuterà a perdere peso e adottare uno stile di vita più salutare.

Leggi anche: dieta chetogenica, gli alimenti e il menù d’esempio

Parole di Benedetta Minoliti