Covid: i vip che hanno fatto beneficenza

Durante la pandemia di Covid le donazioni hanno permesso a medici e infermieri di salvare migliaia di vite: ecco chi sono i vip che hanno partecipato alla beneficenza

Ferragnez outfit

Foto Getty Images | Daniele Venturelli

La pandemia di Covid ha messo a dura prova non solo il sistema sanitario italiano, ma gli ospedali e i medici di tutto il mondo. A questo, si è aggiunta la crisi: tra chi non ha potuto lavorare e chi ha perso la propria occupazione, le famiglie in difficoltà sono tantissime, in tutto il mondo. Per questo molti “potenti” hanno deciso di mobilitarsi, facendo donazioni di tasca propria o attraverso iniziative di sostegno e raccolte fondi, la beneficenza è stato uno strumento fondamentale alla lotta contro il Coronavirus.

Ecco i vip che hanno devoluto milioni a chi aveva più bisogno.

Le donazioni in Italia

Sicuramente non si può non citare la coppia “simbolo” della beneficenza Covid nel nostro Paese, i Ferragnez (che, infatti, sono stati insigniti dell’Ambrogino D’oro). Fan o meno che siate di Chiara Ferragni e Fedez, i due hanno destinato, di tasca propria, 150 mila euro per il reparto di terapia intensiva all’Ospedale San Raffaele di Milano, la cui costruzione è avvenuta anche grazie alla raccolta fondi in pochissimo tempo ha superato i 4 milioni di euro. Oltre a questi, l’impreditrice digitale ha devoluto il 100% delle vendite della sua collaborazione con Oreo.

Restando in Italia, anche Mariano Di Vaio ha contribuito lanciando una linea di magliette le cui vendite hanno sostenuto gli ospedali italiani, mentre Giorgio Armani, dopo aver convertito i suoi stabilimenti per la produzione di mascherine, ha donato 1 milione e 250 mila euro per la crisi Covid.

Tra gli sportivi, ci sono tante stelle del calcio: 100 mila euro che Lorenzo Insigne ha destinato agli ospedali della Campania, Francesco Totti ha donato apparecchiature di terapia intensiva allo Spallanzani di Roma Zlatan Ibrahimovic una fornitura di mascherine FFP2 agli ospedali dell’Humanitas.

La lotta a Covid all’estero

Anche oltreoceano, ovviamente, le donazioni in favore di ospedali e centri di assistenza ai malati di Covid-19 da parte di vip e star dello spettacolo sono state tantissime. Beyoncé e il marito Jay-Z hanno donato 500 mila dollari attraverso BeyGOOD per sostenere le imprese in difficoltà. A loro si sono unite MacKenzie Scott, la ex moglie di Jeff Bezos, che ha destinato circa 6 miliardi di dollari a quasi 400 organizzazioni attive tra Stati Uniti e Puerto Rico per la lotta a Covid-19, e Melinda Gates, con 250 mila dollari da utilizzare per la distribuzione del vaccino.

Shakira si è invece unita ai Coldplay in un concerto che ha fruttato 6,5 miliardi di euro per la ricerca e la creazione del vaccino anti Covid.

A questi, si aggiunge un milione di dollari donato da Kylie Jenner all’inizio della pandemia per l’acquisto di mascherine e altri dispositivi di protezione per il personale medico sanitario californiano e un altro milione di dollari di Angelina Jolie per servire pasti caldi ai bambini bisognosi. Anche Rihanna ha scelto il banco alimentare per la sua beneficenza, con 5 milioni, che sono stati spesi anche per fornire test rapidi e assicurare una formazione al personale medico di Haiti e Malawi. Le aziende di proprietà di Jessica Alba (Honest Company) e Gwyneth Paltrow (Goop), ultime ma non ultime nella gara all’aiuto contro Covid, hanno donato rispettivamente salviette e igienizzanti mani e 100 mila dollari ad associazioni di volontariato.

Parole di Elena Pavin