Come gestire l’ansia da coronavirus: alcuni consigli pratici

Gestire l’ansia da coronavirus è possibile. Basta seguire alcune indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Ansia coronavirus

Foto Shutterstock | Vladimir Razgulyaev

L’emergenza coronavirus e l’eccesso di informazioni (spesso anche contraddittorie tra loro) diffuse nelle ultime settimane stanno alzando i livelli generali di panico e ansia. Sul web e sui social circolano notizie allarmanti, alle quali si somma anche la necessità di un isolamento forzato.

Ma come si può curare l’ansia? Per prima cosa è importante accettare di essere vulnerabili, imparando a convivere anche con sentimenti “negativi” quali paura, malinconia o tensione. Per poi mettere in atto tante piccole accortezze utili, consigliate anche dall’OMS.

Parlare con persone di cui ci fidiamo

In questo periodo non sempre è possibile avere accanto fisicamente le persone che si amano. E allora la comunicazione deve essere affidata alla tecnologia.

Tuttavia, parlare con gli affetti più sinceri, scrivere mail e messaggi e telefonare ai propri cari permette di ridurre l’ansia, accorciando al tempo stesso anche le distanze. Chiedete al vostro interlocutore se è possibile fargli una videochiamata, a volte basta vedere un volto amico per tranquillizzarci.

Uno stile di vita sano rinforza fisico e mente

Tra le cause e le modalità di contagio del coronavirus ci sono anche il contatto diretto con le persone infette e il mancato rispetto della distanza di sicurezza. Ma questo non esclude la possibilità di fare attività sportiva all’interno della propria abitazione, prestando anche attenzione all’alimentazione quotidiana e alle giuste ore di riposo.

Uno stile di vita sano, infatti, aiuta a rafforzare il sistema immunitario, apportando benefici al corpo e alla mente, oltre che distrarci rilassando la mente.

LEGGI ANCHE: 5 ATTIVITÀ DA FARE DA CASA

Selezionare le fonti è importante per ridurre l’ansia da Coronavirus

Scremare le fonti d’informazione è fondamentale per non farsi prendere dal panico, dando erroneamente credito anche a notizie prive di fondamento (le celebri fake news e/o bufale).

Conoscere i fatti e sapere come comportarsi di conseguenza è fondamentale per prevenire e limitare il contagio, così che l’ansia diventi invalidante.

Non leggere notizie catastrofiche

Seguire le direttive ministeriali è fondamentale e prioritario, mentre creare allarmismo basandosi su notizie catastrofiche non lo è. Ecco perché l’OMS consiglia di limitare e ridurre il tempo dedicato a leggere informazioni di questo tipo, lasciando spazio ad altre attività più piacevoli e rilassanti.

Relazionarsi con empatia per ridurre l’ansia da Coronavirus

Prendersi cura dei propri affetti con empatia è fondamentale. I bambini, ad esempio, hanno bisogno di spiegazioni chiare, ma al tempo stesso necessitano di parole semplici e adatte alla loro età.
Mai come in questo periodo, quindi, è realmente importante ascoltare le persone vicine, dando loro la giusta attenzione.

LEGGI ANCHE: MAMME AL TEMPO DEL CORONAVIRUS

Rispettare la routine e i soliti orari

Quando la quotidianità viene meno è bene cercare di avere dei punti fermi. Rispettare gli orari in cui ci si sveglia o nei quali si va a dormire, non saltare i pasti, imporsi delle pause se si lavora da casa sono attività routinarie che permettono di mantenere (almeno in parte) le abitudini di sempre.

Parole di Elisabetta Parise

Sono laureata in lettere e specializzata in Social Media Communication, grande appassionata di grammatica e letteratura italiana. Divoro libri e serie Tv e in qualità di Web Content Editor scrivo di salute, benessere e attualità.