Alessandra Galloni è la prima direttrice donna di Reuters

Alessandra Galloni è la nuova direttrice dell’agenzia stampa Reuters. È la prima donna alla guida della testata, nei suoi 170 anni di storia

Sede Reuters

Foto Shutterstock | JHVEPhoto

Alessandra Galloni è la nuova direttrice dell’agenzia stampa Reuters. È la prima donna a prendere la guida della prestigiosa testata giornalistica in ben 170 anni di storia.

Alessandra Galloni, 47 anni, nata a Roma, da fine aprile succederà a Stephen J. Adler, direttore in carica dal 2011 (e ultimo della lunga lista di uomini che sono stati a capo dell’agenzia), che andrà in pensione questo mese.

Adler lascia l’agenzia stampa Reuters dopo essersi aggiudicato centinaia di premi giornalistici, tra cui sette Premi Pulitzer. Ma anche il curriculum di Alessandra Galloni non scherza.

“Una presenza carismatica con un appassionato interesse nelle business news. Ha detto ai colleghi che le sue priorità includeranno spingere la componente digitale di Reuters e quella economica” si legge sul sito dell’agenzia.

Chi è Alessandra Galloni

La Galloni si è laureata all’università di Harvard nel 1995 e ha conseguito un master alla London School of Economics nel 2002.

La giornalista inoltre parla ben 4 lingue ed è arrivata alla Reuters nel 2013, dopo aver lavorato per 13 anni al Wall Street Journal come corrispondente da Londra, Parigi e Roma.

La prima reazione della Galloni è arrivata con un tweet: “Sono onorata di guidare la migliore redazione al mondo!”.

Alessandra Galloni ha le idee molto chiare, soprattutto in tema di flessibilità del giornalismo e sulla necessità di essere sempre affidabili come agenzia di stampa rivolta principalmente al business.

“La linea editoriale la decidiamo noi e se una cosa merita di essere raccontata, anche se pochi la guarderanno, se è nel pubblico interesse, noi la scriviamo” aveva detto lo scorso febbraio in una intervista a Primaonline.

La Galloni inoltre ha anche ribadito gli investimenti sui corrispondenti all’estero e sulle inchieste corpose, oltre che l’attenzione alla diplomazia climatica all’interno del grande tema del climate change e l’importanza del data journalism

Alessandra Galloni ha vinto nel 2004 l’Overseas Press Club e, l’anno successivo, il premio Business Journalist Of The Year, per la copertura giornalistica dello scandalo della Parmalat. 

Leggi anche: Che cos’è la sindrome di Hermione Granger e perché colpisce le donne