Il Natale in italia, le tradizioni da nord a sud

Il Natale in italia, le tradizioni da nord a sud
da in Natale
Ultimo aggiornamento:

    Tradizioni natalizie

    Tempo di Natale, quasi, tempo di feste, cene, pranzi e tanti regali. Ma quali sono le tradizioni natalizie in Italia, quali le usanze tradizionali che attraversano, da nord a sud, tutto lo Stivale? Molte, anzi, moltissime, da Santa Lucia alla Befana, passando per presepi e alberi per arrivare alle ricette tradizionali e ai menu tipici delle giornate di festa che variano da regione a regione, ecco qualche esempio del Natale made in Italy all’insegna della tradizione.

    Babbo Natale Befana

    Babbo Natale, sicuramente, ma non solo. A seconda della regione o della città, a Babbo Natale si affiancano anche due figure femminili diverse, Santa Lucia e la Befana. La prima è una martire che ha perso la vista e che porta i doni ai bambini nelle notte tra il 12 e il 13 dicembre solo in alcune zone del nord, soprattutto; in particolare, i piccoli aspettano il suono del classico campanellino della santa che anticipa l’abbuffata di regali natalizi in Trentino e nelle province di Brescia, Bergamo, Udine, Cremona, Lodi, Mantova, Piacenza, Parma, Verona e Reggio Emilia.

    Nel resto d’Italia, invece, l’ultimo colpo di coda dei doni natalizi è affidato alla Befana, la vecchietta dal naso acquilino e dalla gonna lunga che viaggia per il mondo a bordo di una scopa portando regali ai bimbi buoni e carbone a quelli più furbetti.

    Albero presepe

    Se le incaricate al femminile dei regali variano da regione a regione, anche quando si tratta di simbologia natalizia, da esporre in casa a suon di addobbi e decorazioni, la tradizione si declina in modo differente in base alla città e alla zona della Penisola. I protagonisti principali, però, non cambiano: sono l’albero di Natale e il presepe.

    Il primo è quello che ha la storia più recente, ma che spopola, ormai, senza troppa distinzione, da nord a sud. Il secondo, invece, il presepe, è un vero classico della tradizione natalizia italiana che affonda le radici nei secoli scorsi, che risale al 1223, quando San Francesco realizzò la prima rappresenzione del genere nella notte tra il 24 e il 25 dicembre.


    La tradizione del ceppo di Natale è ancora viva in Liguria, ma anche in Abruzzo, dove ci sono ancora rappresentazioni e manifestazioni dedicate al ceppo natalizio da ardere. Il Molise, invece, è, per vocazioni e definizione, la regione di zampogne e zampognari, un classico natalizio.

    Pranzi cene natalizie

    Natale e festività natalizie implicano anche cene e pranzi ad alto tasso di calorie e di gusto. A ogni regione e città, le sue tradizioni, anche dal punto di vista gastronomico. In molte regioni del centro sud, con il Lazio in testa, per esempio, sulla tavola della vigilia non può mancare il capitone. Se in Calabria la cena del 24 dicembre comincia con frittura di carciofi e zeppole, in Lombardia e in veneto per concludere in bellezza cena e pranzo natalizio non possono mancare il panettone e il pandoro.

    div>

    673

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Natale Ultimo aggiornamento: Lunedì 16/12/2013 13:00
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI