Come tagliare le verdure alla julienne

Come tagliare le verdure alla julienne

Come tagliare le verdure alla julienne

Tagliare verdure alla julienne

Siete alla ricerca di qualche consiglio su come tagliare le verdure alla julienne correttamente? Il taglio a julienne riguarda alcune verdure ed ortaggi come carote, zucchine, cetrioli, peperoni e patate. La tecnica consiste nel ricavare delle striscioline di circa mezzo millimetro di spessore. E’ un taglio molto utilizzato in cucina soprattutto per arricchire insalate miste. Ovviamente, avrete bisogno di un tagliere e di un coltello ben affilato oppure potete utilizzare un’affettaverdure che vi permetterà di ottenere un risultato impeccabile.

Preparazione delle verdure

Pelare verdure

Lavate le verdure accuratamente sotto acqua corrente e poi asciugatele utilizzando un panno da cucina. Posizionate il vegetale sul tagliere e poi eliminate le due estremità. Alcune verdure, come patate e carote, devono essere preventivamente sbucciate con l’aiuto di un pelapatate.

Tagliare le verdure

Taglio a julienne

Prendete il coltello afferrando l’impugnatura con l’indice, il medio e l’anulare. Il pollice, invece. dovrà rimanere a lato della lama. Con la mano non dominante tenete il vegetale e tagliatelo in due sezioni di circa 5 cm. Potete anche realizzare delle sezioni di una lunghezza maggiore, tutto dipenderà dal risultato finale che volete ottenere.

Taglio alla julienne

Taglio alla julienne

Tagliate le estremità del vegetale longitudinalmente in modo da ricavare una superficie piana. Ripetete l’operazione sugli altri 3 lati in modo da ottenere un blocco squadrato. Infine, affettate le verdure longitudinalmente in modo da ricavare delle striscioline di circa mezzo millimetro di spessore.

Parole di Carmela Giglio

Carmela Giglio è stata una collaboratrice di Pourfemme dal 2013 al 2017, occupandosi principalmente di cucina e ricette.

© 2005-2022 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Pourfemme è supplemento a DesignMag, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Roma n° 63 del 4 maggio 2022.