Polenta e osei

Polenta e osei

  • facile
  • 1 ora
  • 4 Persone
  • n.d.

Polenta e osei

La ricetta di oggi vi spiegherà come realizzare la polenta e osei. Questa è una ricetta tradizionale del nord Italia ed in particolare del Veneto, ma anche molto diffusa nel bergamasco e nel bresciano. In realtà esistono due versioni di questo piatto. Nella versione salata si utilizzano polenta gialla e osei, uccelli di vario tipo, cucinati allo spiedo. Esiste anche una variante dolce, tipica soprattutto di Bergamo, fatta con polenta dolce ricoperta da pasta di mandorle e decorata con uccellini di cioccolata o marzapane. Nella nostra ricetta di oggi vi mostreremo come preparare la versione salata: un secondo piatto sostanzioso e delizioso.

Ingredienti

  • Farina gialla bramata 350 gr
  • Uccellini 12
  • Burro 150 gr
  • Foglie di salvia 12
  • Sale q.b.

Preparazione

  1. La prima cosa da fare è iniziare la preparazione della polenta nella maniera più classica: mettete a bollire l’acqua, versate a pioggia la farina gialla e girate fino a che il composto non diventa omogeneo. Intanto potete dedicarvi alla preparazione degli osei, gli uccellini. Questi potete farli già pulire dal vostro macellaio di fiducia; in genere si usano allodole, beccafichi o tordi.

  2. In un tegame disponete i volatili l’uno accanto all'altro; su ciascuno disponete una noce di burro, una foglia di salvia e salateli a vostra scelta. Per la cottura il tempo è variabile e in genere dipende dalla grandezza del volatile. Vi raccomandiamo di non aggiungere acqua o brodo; se diventa secco aggiungete altro burro. A cottura ultimata, disponete la polenta e al centro i vari volatili con il loro sugo. Foto di stu_spivack

Consigli

È un piatto tipicamente invernale che in genere è consumato caldo; il sugo degli osei deve essere abbondante e deve insaporire anche la vostra polenta.

Parole di Carmela Giglio

Carmela Giglio è stata una collaboratrice di Pourfemme dal 2013 al 2017, occupandosi principalmente di cucina e ricette.