Moda Outdoor: i look per le gite d'autunno in grande stile

Nel 2020 la natura selvaggia diventa meta dei nostri fine settimana. Lontane dalle grandi masse di persone, non si deve per forza abbandonare la moda. Ecco cosa indossare per le gite outdoor

moda outdoor stile

foto Getty Images | Ollie Millington

Il 2020 sembra essere l’anno delle gite “domestiche”, niente fine settimana nelle grandi capitali europee. Per riscoprire la natura selvaggia, dove il distanziamento sociale è garantito, non bisogna però necessariamente peccare di stile. Ecco cosa indossare per le gite outdoor, tra scampagnate e campeggi.

Campo che vai, scarpe che trovi

Che piova o che ci sia il sole, le calzature sono fondamentali. Devono essere confortevoli, tenere i piedi al caldo, fornire un supporto per non ritrovarsi doloranti e piene di vesciche il giorno seguente.

Non sono un semplice accessorio, non si può negoziare, ma certo devono essere belle. Ecco allora che entrano in campo gli stivali di gomma, magari colorati per le più estrose, indossati con una bella calza spessa.

Per chi invece preferisse i lacci, quest’anno sono molti i brand che propongono calzature sia tecniche che belle: Salomon o Hokka, per esempio.

Le basi: il top è sportivo e il maglione caldo

Non importa che la vostra sia una semplice passeggiata, o una vera e propria scarpinata, quello che importa è la praticità. Al classico intimo, che potrebbe risultare fastidioso dopo qualche chilometro, è bene preferire un reggiseno sportivo.

Da abbinare a un maglioncino di lana per chi volesse restare sul classico e magari fermarsi a pranzo in rifugio, o a una felpa tecnica, per chi non rinuncia all’avvenuta e il pranzo lo porta al sacco (temperatura permettendo, ovvio).

Il capospalla deve diventare una corazza

Non bisogna per forza indossare qualcosa di brutto, per stare al caldo. Quello che importa, parlando di capispalla, è la protezione. La regola numero uno è: più tasche ha, meglio è, così le mani saranno libere.

Per il resto si può giocare con i colori, magari un patchwork o un color-blocking. L’importante è che sia performante: deve resistere al vento e all’acqua.

Pantaloni outdoor: leggings, tuta o jeans?

Per scegliere in che tipo di pantalone investire bisognerà capire prima di tutto quale sarà la destinazione. In sella alla bicicletta, un paio di leggings impermeabili e tecnici. Per una semplice camminata, un paio di pantaloni cargo saranno perfetti. Chi volesse osare un trail potrebbe preferire una tuta.

Accessori che diventano gadgets fondamentali

Quando si va in montagna, in campagna, in collina o sul lago, non si può cedere ai fronzoli, certo. Ma si può sempre unire l’utile al dilettevole. Invece di una vistosa collana, potreste preferire un bel binocolo, o una borraccia. Il foulard può essere sostituito da un collare in lana o piumino.

Le calze, tecniche o di calda lana, escono dalla scarpa per mostrarsi e tenere fermo il pantalone. Anche lo smartphone, amico delle stories su Instagram, si vestirà di praticità: sicuramente avrete notato il grande successo dei case con il laccio da appendere al collo.

Parole di Alanews