Stai invecchiando? Ecco come capirlo [FOTO]

Vi piace passare più tempo a casa che fuori, l'idea di un viaggio vi piace ma poi non partite, non potete dormire senza aver bevuto una tazza di camomilla, odiate la musica ad alto volume e iniziate ad andare in giro con il muso perchè non sopportate più le altre persone? Attenzione, perchè questi possono essere i primi segnali del vostro invecchiamento, non tanto fisico quanto mentale. Il consiglio? Datevi uno scossone, prima che sia troppo tardi!

Segnali dellinvecchiamento

Sto invecchiando”; “E si, si sente il tempo che passa”; “Non sono più quella di una volta”. Queste sono solo alcune delle frasi “tipiche” che ogni tanto tiriamo fuori quando ci rendiamo conto che gli anni iniziano ad essere tanti e a farsi sentire (sperando immancabilmente che qualcuno ci risponda “ma cosa dici? sei una ragazzina!”). Il fatto è che, nonostante l’età media si sia alzata e le cinquantenni non siano più quelle di una volta (anzi, ormai si dice che dai 40 in su le donne siano “nel fiore degli anni”), l’orologio biologico continua a fare il suo corso, inesorabilmente. Insomma, non bisogna fare come gli struzzi e nascondere la testa sotto la sabbia, ma guardare in faccia la realtà. Questo però senza deprimersi, perchè “diventare grandi” non è poi così male, nonostante qualche piccolo acciacco. E poi, come si suol dire in questi casi, “l’importante è sentirsi giovani dentro”.

I segnali dell’invecchiamento

invecchiamento3

Come capire che ormai si sta invecchiando? Non solo “grazie” alle rughe, anche perchè le più fortunate (e quelle che hanno curato la pelle del viso, e non solo, per benino) non le vedranno comparire per un bel po’. I segnali sono ben altri e si palesano nel nostro quotidiano, spesso senza che ce ne accorgiamo Qualche esempio? Eccovi servite:
– vi trovate a dire sempre più spesso “ai miei tempi”;
– le persone (persino i bambini) vi danno fastidio e sorridete sempre meno a quelle che incontrate;
– quando vi trovate in metropolitana pensate sia giusto che vi cedano il posto (anche se siete giovani);
– vi viene voglia di partire per un viaggio ma poi cambiate quasi subito idea;
– quando navigate su internet vi innervosite se su un sito parte una musichetta;
– siete diventate esperte di antiquariato;
– avete cambiato il vostro look preferendo pantaloni e scarpe comode;
– non vi piace più ascoltare musica ad alto volume;
– avete voglia di passare del tempo a casa, magari sul divano davanti alla tv per guardare i vostri programmi preferiti e cadere, nel giro di poco tempo, tra le braccia di Morfeo.

E che dire dei fine settimana passati a fare commissioni e a pulire casa: dove sono finiti i bei tempi in cui si aspettava il sabato e la domenica per uscire? C’è poi chi discute su cosa preparare per cena con il proprio animale domestico, chi non può andare a dormire senza una tazza di camomilla, ma anche le donne per cui il piacere di bersi un caffè è direttamente correlato alla propria visione della vita.
 
Insomma, cominciate a trovarvi in sintonia con i vostri fratelli maggiori o addirittura con i vostri genitori (che magari hanno la fama di essere noiosi e ansiosi) consideratelo un campanello d’allarme e provvedete subito a trovare una soluzione! Non che sia una cosa brutta, per carità, ma forse darsi uno scossone (in positivo) non sarebbe male, proprio per invecchiare meglio.

Parole di Laura Frigerio