Ecco perché alcuni bimbi dormono con la bocca aperta!

Apnea notturna, allergie o cattivi abitudini: la respirazione a bocca aperta può svilupparsi in risposta a qualche tipo di blocco delle vie aeree superiori

bambino che dorme

Foto Pexels | Dominika Roseclay

Quanto è rasserenante ammirare il nostro bambino mentre dorme. Ma, oltre a perdersi in questa visione sognante, è bene prestare attenzione a un particolare aspetto del sonno di nostro figlio: la respirazione. Diversi bambini tendono infatti a dormire con la bocca aperta, invece che respirare regolarmente dal naso. Ma quali sono le cause della respirazione a bocca aperta?

Respirare con il naso o con la bocca aperta: le differenze e i benefici

La prima cosa da sapere è che la respirazione fisiologica avviene attraverso il naso. Infatti, grazie al naso, l’aria che inspiriamo viene umidificata, riscaldata e filtrata, prima di essere introdotta nei polmoni. Il bambino che respira regolarmente tramite il naso lo fa con le labbra chiuse e rilassate, la lingua appoggiata sul palato e senza che le arcate dentarie entrino in contatto tra loro. Quando ciò non avviene, ci troviamo davanti ad un’alterazione dello schema respiratorio abituale e il bambino tende a respirare a bocca aperta.

Leggi anche: Offerte di Primavera Amazon, ecco le imperdibili per la cameretta

Respirare a bocca aperta: le possibili cause

I neonati respirano quasi esclusivamente attraverso il naso, a meno che il loro passaggio nasale non sia ostruito in qualche modo. Infatti, i bambini piccoli, fino all’età di 3-4 mesi circa, non hanno ancora sviluppato il riflesso di respirare attraverso la bocca, a meno che non stiano piangendo. Gli studiosi spiegano che la respirazione a bocca aperta durante il sonno può svilupparsi in risposta a qualche tipo di blocco delle vie aeree superiori, come il naso o la gola.

Se in alcuni casi potrebbe trattarsi di un semplice raffreddore o di allergie, altre volte la respirazione a bocca aperta potrebbe derivare da condizioni più complesse. In altri casi ancora, respirare attraverso la bocca può essere il frutto di un’abitudine errata, difficile da interrompere. Vediamo dunque quali sono le potenziali cause della respirazione a bocca aperte nei bambini:

Muco

Il nostro bambino potrebbe respirare dalla bocca per necessità, se il naso è chiuso o bloccato dal muco. Le cause potrebbero essere un semplice raffreddore oppure qualche allergia che il bambino ha sviluppato. In caso di ostruzione delle vie respiratorie nasali per via del muco, i bambini tendono, come gli adulti, a compensare con la respirazione dalla bocca.

Apnea notturna

La respirazione a bocca aperta può essere anche un segno di apnea notturna, ovvero quando le vie aeree superiori del bambino sono ostruite in qualche modo. L’apnea notturna nei neonati o nei bambini piccoli è tendenzialmente dovuta a tonsille o adenoidi ingrossati. Tra i sintomi più comuni dell’apnea notturna, ci sono anche il russare, irrequietezza durante il sonno, pause nella respirazione, tosse.

Setto nasale deviato

Altre volte, la respirazione a bocca aperta può essere causata da un’anomalia nella cartilagine e nell’osso che separa le narici del bambino. Questa anomalia può causare problemi di respirazione ed è comune nelle persone che presentano la mascella superiore più stretta del normale.

Abitudine

In alcuni casi la respirazione a bocca aperta altro non è che un’abitudine, che alcuni bambini potrebbero aver assunto dopo essersi ammalati o per altri motivi.

Cosa fare se il bambino dorme a bocca aperta

Qualora il nostro bambino presenti una respirazione anomala durante il sonno, è bene rivolgersi al pediatra per una corretta diagnosi del problema. Il pediatra potrà a sua volta prescrivere una visita specialistica dal dentista, dall’otorino, dal logopedista o dall’allergologo, a seconda del problema individuato.

Parole di Linda Pedraglio