Oscar 2020 a 'Parasite': prima volta per un film straniero

Oscar 2020, vince Parasite. Al film coreano anche la statuetta per la regia di Bong Joon Ho, quella di miglior film straniero e miglior sceneggiatura. Migliori attori Joaquin Phoenix e Renée Zellweger. Brad Pitt e Laura Dern migliori attori non protagonisti

46
Charlize Theron

La commedia Parasite diretta dal regista sudcoreano Bong Joon Ho, è stata premiata con 4 statuette durante la notte degli Oscar 2020. A consegnare i premi per la miglior sceneggiatura, miglior film internazionale, miglior regia, e miglior film, è stata Jane Fonda, per la quale tutto il Dolby Theater si è alzato in piedi per una emozionante standing ovation. È la prima volta nella storia della kermesse cinematografica che il premio come miglior film viene dato a un’opera straniera. Ma vediamo quali sono tutti i vincitori della 92esima edizione degli Oscar.

Il film vincitore di 4 Oscar

Bong Joon-ho, Oscar 2020
Bong Joon-ho, Oscar 2020 | Getty Images

Come anticipato, per la prima volta nella storia il premio Oscar come miglior film è andato a un’opera straniera, ‘Parasite’, film diretto dal sudcoreano Bong Joon Ho, che ha vinto pure l’Oscar per la miglior regia e i premi per il miglior film internazionale e per la miglior sceneggiatura originale. Quattro premi totali, è davvero un ottimo risultato per un film che può quindi vantare di essere stato il più premiato di questa edizione.

Di cosa parla Parasite, il film sudcoreano di Bong Joon-ho? Il film vincitore dell’Oscar 2020, già Palma d’Oro al Festival di Cannes, è una sorta di commedia nera che ha anche toni drammatici, un thriller con risvolti di satira sociale in cui va in scena la lotta tra poveri e ricchi, un film che racconta il rapporto conflittuale tra classi diverse.

Tutti i vincitori degli Oscar 2020

MIGLIOR FILM
Parasite

MIGLIORE REGIA
Bong Joo Ho (Parasite)

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA
Renée Zellweger (Judy)

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA
Joaquin Phoenix (Joker)

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA
Laura Dern (Storia di un matrimonio)

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA
Brad Pitt (C’era una volta a… Hollywood)

MIGLIOR FILM INTERNAZIONALE
Parasite (Bong Joon Ho)

MIGLIOR FILM DI ANIMAZIONE
Toy Story 4

MIGLIOR DOCUMENTARIO
American Factory (Steven Bognar, Julia Reichert e Jeff Reichert)

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE
Parasite (Bong Joo Ho e Han Jin Won)

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE
Jojo Rabbit (Taika Waititi)

MIGLIOR FOTOGRAFIA
1917 (Roger Deakins)

MIGLIOR MONTAGGIO
Le Mans ’66 – La Grande Sfida (Michael Mccusker, Andrew Buckland)

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI
1917 (Guillaume Rocheron, Greg Butler e Dominic Tuohy)

MIGLIOR COLONNA SONORA
Joker (Hildur Ingveldardóttir Guðnadóttir)

MIGLIORE CANZONE ORIGINALE
(I’m Gonna) Love Me Again da Rocketman (Elton John, Bernie Taupin)

MIGLIOR SONORO
1917 (Mark Taylor e Stuart Wilson)

MIGLIOR MONTAGGIO SONORO
Le Mans ’66 – La Grande Sfida (Donald Sylvester)

MIGLIOR TRUCCO E ACCONCIATURE
Bombshell (Kazu Hiro, Anne Morgan e Vivian Baker)

MIGLIORI COSTUMI
Piccole Donne (Jacqueline Durran)

MIGLIOR SCENOGRAFIA
C’era una volta a… Hollywood (Barbara Ling, Nancy Haigh)

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
The Neighbor’s Widow (Marshall Curry)

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO DI ANIMAZIONE Hair Love (Matthew A. Cherry e Karen Rupert Toliver

MIGLIOR CORTO DOCUMENTARIO
Learning To Skateboard In A Warzone (Id You’re A Girl) (Carol Dysinger, Elena Andreicheva)

Parole di Violetta Gonzaga