Napoli, medico muore di meningite: il suo cuore salva un bambino

Le condizioni dell'uomo, arrivato all'ospedale Cotugno con febbre alta e sintomi preoccupanti, si erano aggravate progressivamente e irreversibilmente.

Pubblicato da Giovanna Tedde Giovedì 3 gennaio 2019

Napoli, medico muore di meningite: il suo cuore salva un bambino
Foto: Pixabay

Un medico 40enne è morto di meningite all’ospedale Cotugno di Napoli. I familiari hanno optato per la donazione degli organi, e il cuore del chirurgo salverà la vita a un bambino. L’uomo era stato ricoverato la sera di Capodanno con febbre alta, poi la diagnosi infausta.

Muore di meningite, cuore donato a un bimbo

Dopo il decesso del medico 40enne Vincenzo Di Stazio, i parenti hanno deciso di donare gli organi. La morte del medico è avvenuta poche ore dopo il ricovero, presso l’ospedale Cotugno di Napoli.

Trasferito dalla clinica Villa dei Fiori di Mugnano (dove lavorava) all’ospedale del Mare e successivamente al Cotugno, ha ricevuto la terribile diagnosi: meningoencefalite.

Dopo la febbre alta, il quadro clinico si è irreversibilmente aggravato, sino al decesso. L’autorizzazione all’espianto degli organi è arrivata poco dopo: il cuore consentirà a un bimbo di salvarsi. Negli ospedali in cui il 40enne è stato ricoverato è scattata la profilassi.

LEGGI ANCHE: Meningite fulminante: cause, sintomi, terapie