Misteriosa morte di un 23enne a Trieste: sospetto attacco di morbillo

Pubblicato da Redazione Martedì 6 novembre 2018

Misteriosa morte di un 23enne a Trieste: sospetto attacco di morbillo
Foto di repertorio / Pixabay

Drammatico caso di morte misteriosa in ospedale con protagonista un 23enne originario del Friuli Venezia Giulia che è morto probabilmente per un attacco di morbillo dopo un ricovero durata 40 giorni. Il giovane era in cura all’ospedale di Trieste e trattato per una forma di leucemia ma tutte le terapie non sono servite a salvargli la vita e in questo momento sono scattati esami per cercare di fare più chiarezza sulle cause della scomparsa. Scopriamo di più su questo tragico avvenimento che ha visto il proprio triste epilogo lo scorso 4 Novembre.

Presso l’ospedale di Cattinara a Trieste in Friuli Venezia Giulia è scomparso un giovane di 23 anni che era stato ricoverato per oltre un mese per via di una forma di leucemia che non è stato possibile curare. Secondo le prime indiscrezioni sembra che la causa della morte sia un attacco di morbillo e di conseguenza entrerebbero in gioco anche i mancati vaccini. Ma la vicenda è ancora piena di ombre.

Tutto è iniziato come un apparente causa di leucemia con conseguenti terapie per provare a curarla, ma le condizioni del giovane sono peggiorate in seguito a un insufficienza molto grave all’apparato respiratorio. Posto in condizione di respirazione extracorporea nel reparto di terapia intensiva di cardiologia, il 23enne è rimasto attaccato alle macchine fino lo scorso 4 Novembre, il giorno in cui purtroppo è morto.

Da quello che traspare dalle prime informazioni di sicuro il ragazzo non è stato abbandonato a se stesso ma al contrario è stato seguito da un equipe di professionisti e sembra che il caso sia molto raro se non addirittura unico. Inoltre, la causa della morte sarebbe un’azione combinata tra la polmonite – dunque una infezione delle vie respiratorie – e un attacco di morbillo. Tuttavia, il morbillo potrebbe essere stato contratto nel nosocomio in seguito alla condizione di immunodepressione nella quale il ragazzo giaceva.

Pochi giorni prima l’Ospedale di Trieste aveva avviato esami a tappeto per tutti i propri dipendenti in seguito al primo sospetto caso di morbillo che avrebbe portato a quello che sembra un decesso dovuto proprio a questo tipo di patologia.