Miss America dice addio al bikini: niente più sfilate in costume da bagno

Inaspettatamente (o quasi) arriva la svolta nel concorso di bellezza più importante degli States: in archivio le passerelle in cui per decenni, a farla da padrone, sono state le curve esplosive delle concorrenti al titolo di più bella d'America.

Pubblicato da Giovanna Tedde Mercoledì 6 giugno 2018

Miss America dice addio al bikini: niente più sfilate in costume da bagno
Foto / ansa

Il concorso di bellezza Miss America indossa nuove vesti: al bando il bikini in passerella, niente più sfilate in costume da bagno per le concorrenti al titolo di più bella. Via libera alla messa in mostra di qualità che esondano dal semplice aspetto fisico: buona dialettica, saper cantare e ballare saranno ingredienti chiave che influiranno nella valutazione.

Miss America: no al bikini, più cervello in passerella

Sull’onda lunga della protesta trainata dal movimento MeToo per l’abbattimento di ogni strumentalizzazione della donna nel mondo dello spettacolo, si innesta un decisivo cambio di rotta che ha per protagonista il concorso di bellezza tra i più famosi al mondo: Miss America.
Le contendenti devono dar prova di possedere doti che, oltre all’estetica, le rendono donne a tutto tondo: cervello e intelligenza in testa al gradimento della giuria.
Le finaliste vincono una borsa di studio che permette alle ragazze di iniziare o completare le loro carriere. Lo stop categorico al bikini è arrivato da Gretchen Carlson, reginetta nel 1989 al timone dell’evento e conduttrice televisiva.
Ai microfoni della ABC, la Carlson ha annunciato la svolta con orgoglio: “Non giudicheremo più le candidate in base all’aspetto fisico. Si tratta di un enorme passo avanti. Non siamo più un concorso, siamo una competizione”.
A sostituire il sipario in bikini, che per decenni è stato il biglietto da visita della manifestazione, saranno le interviste alle candidate al titolo, focus approfonditi che permetteranno di ‘pesare’ la caratura interiore delle aspiranti Miss.