La fantastica sfilata di Michael Kors per i 40 anni del marchio

Michael Kors ha festeggiato i 40 anni nel mondo della moda con una sfilata ispirata alla città di New York, dove lo stilista ha mosso i suoi primi passi

Michael Kors

Foto Getty Images | Mark Mainz

Lo stilista statunitense Michael Kors ha festeggiato il traguardo dei 40 anni di attività con una collezione che è una toccante lettera d’amore diretta alla città di New York, dove Kors ha mosso i primi passi nel mondo della moda, arrivano poi a costruire un vero e proprio impero.

La sfilata, rigorosamente in modalità virtuale, è stata presentata con un video sul sito del brand: le supermodelle leggendarie di ieri Naomi Campbell, Helena Christensen, Carolyn Murphy e Shalom Harlow, insieme a quelle di oggi, Bella Hadid, Adut Akech, Irina Shayk, Ashley Graham hanno sfilato per le vie trafficate di New York indossando abiti super scintillanti, eleganti e fascianti.

Michael Kors si è lasciato ispirare soprattutto da Broadway

L’ispirazione della collezione è il magico mondo di Broadway, un luogo del cuore per lo stilista, che non aveva ancora dieci anni quando andò al suo primo show, il musical “Anna Prendi il Fucile” con Ethel Merman.

Michael Kors ha voluto poi rivolgere un gesto di solidarietà nei confronti dei lavoratori dello spettacolo dal vivo, che sono stati fortemente colpiti dalla pandemia, creando un sito su cui raccogliere donazioni.

“Volevo trasmettere la gioia di tornare a vestirsi e uscire per una notte in centro” ha scritto Kors in una nota. “Che tu stia andando in ufficio, a una cena tra amici o a una vera e propria festa, questa collezione è pensata per rendere ogni momento speciale e per farti sentire glamour e sicura”.

Per Michael Kors questa rinascita si traduce in un ritorno del capo ben disegnato e, soprattutto, dei tacchi alti, i preferiti di quelle donne super eleganti e carismatiche, felici di poter finalmente tornare in ufficio, al ristorante o a teatro.

Dopo aver attraversato le strade di Midtown, le divine protagoniste della sfilata hanno fatto il loro ingresso nello Shubert Theatre dove Rufus Wainwright ha cantato un medley di “City Lights”, “New York State of Mind” e “There’s No Business like Show Business”.

L’omaggio al passato

Michael Kors poi con questa sfilata ha voluto anche rendere omaggio al passato proprio attraverso alcuni degli abiti presentati in passerella.

Ad esempio, con il famoso cappotto di pelle lucida rosso sangue che Cindy Crawford indossò per lo show primavera-estate 1991 e che oggi è passato invece a Bella Hadid.

Il cappotto fa parte di una collezione capsule d’archivio che viene identificata nell’etichetta da un codice “QR” grazie al quale la sua nuova proprietaria potrà ricostruirne la storia a ritroso nel tempo.