L'orgoglio in amore è un limite? 10 cose da non fare

L'orgoglio in amore è un limite? Altro che limite, è la vera tomba dell'amore! Scopriamo quindi quali sono le 10 cose da non fare se si pecca di orgoglio smodato.

primo piano donna

Foto Shutterstock | Rido

L’orgoglio in amore è un limite? La definizione da dizionario è stima eccessiva di sé e dei propri meriti, i sinonimi presunzione e superbia, nella dottrina cristiana è uno dei sette peccati capitali. Ancora convinti che possa avere a che fare con il più nobile dei sentimenti?

Altro che limite, l’orgoglio è la vera tomba dell’amore! Sotto il suo effetto la ragione è sempre e comunque dalla propria parte, sotto il suo effetto chiedere scusa è da perdenti e mettersi in discussione una cosa impensabile.

L’orgoglio è peggio di una droga, dà assuefazione e rende dipendenti, ma non esiste legge che ne vieti (o perlomeno che ne limiti) la diffusione.

Libero di agire senza restrizioni, miete vittime anche tra gli insospettabili, riconoscerlo è difficile, disfarsene particolarmente complicato. Se siete a rischio di orgoglio smodato, ecco 10 cose da non fare. Prima che sia troppo tardi!

Qui analizzeremo l’orgoglio in amore dal punto di vista femminile, ma naturalmente non dimentichiamoci che esiste anche la brutta bestia dell’orgoglio maschile.

L’orgogliosa vuole avere sempre l’ultima parola

L’orgogliosa vuole avere sempre l’ultima parola, per lei discutere è solo un pretesto per dimostrare la propria supremazia. Il suo è un gioco di potere: vince chi conclude lo pseudo-dialogo, perde chi molla per primo.

Non si mette mai in discussione

Mettersi in discussione richiede forza, autentica forza, quella di cui l’orgogliosa è privo. Attenzione però, la presunzione eccessiva cela la paura della debolezza, erroneamente considerata prerogativa dei perdenti.

Vuole dominare l’altro

Il suo obiettivo è dominare, non importa come, non importa quanto, non importa chi. Ma in coppia dimostra decisamente il suo lato migliore: l’altro è considerato alla stregua di un oggetto di proprietà, di cui fare e disfare a proprio piacimento.

Si sente superiore

Il senso di superiorità è tipico della persona orgogliosa, convinta, chissà per quale contorta ragione, di trovarsi a un livello più alto rispetto all’interlocutore e in definitiva rispetto al mondo intero. Tale certezza ostacola qualunque tentativo di civile comunicazione.

Crede di avere sempre ragione

Questo è il diktat dell’orgogliosa: avere sempre ragione! D’altronde un essere di tale levatura non potrebbe sbagliarsi nemmeno se lo volesse.

Il suo motto è: “Quando si è sicuri di avere ragione, non c’è bisogno di discutere con quelli che hanno torto”!

Colpevolizza l’altro

L’ego smisurato non ammette di sbagliare, quindi colpevolizza sempre e solo l’altro, segnale d’allarme che anticipa la fine della coppia.

Una relazione, per essere tale, necessita di due persone, è difficile che le colpe stiano esclusivamente da una parte.

Non chiede mai scusa

Chi vive di orgoglio, vive per vincere e ogni vittoria che si rispetti non ammette atteggiamenti da perdente. Anche se secondo alcuni chiedere scusa all’amato fa bene alla salute, la superba di turno non ne vuole sapere.

L’orgogliosa si mostra sdegnata

Le espressioni facciali dell’orgogliosa sono tra le più irritanti in assoluto. Difficile non accorgersene perché lo sdegno trasforma i lineamenti del suo volto, rendendolo irriconoscibile e molto, molto fastidioso allo sguardo.

Non scende mai a compromessi

Chiedere a un’orgogliosa di scendere a compromessi è come pretendere di insegnare le tabelline a un neonato. Praticamente impossibile. Non c’è modo di fargli cambiare idea, anche perché molto probabilmente non sa nemmeno che significa.

Non abbassa lo sguardo

L’orgogliosa adora sfidare l’avversario e imporsi con lo sguardo, abbassarlo significa lasciarsi sopraffare e perdere. Per lei anche questa è una forma di affermazione, dato che vive tutto come una gara all’ultimo sangue.

Insulta, con parole pesanti

La superba non ammette rimproveri e insulti di alcun genere, ma offende il partner con parole pesanti, anche quando non si sente direttamente attaccato. La sua è una doppia morale: lui può permettersi di tutto, l’altro non deve fiatare.

Parole di Laura De Rosa