Parto: il training autogeno

da , il

    Sicuramente molte di voi avranno già sentito parlare del training autogeno; altre, invece, si domanderanno cosa sarà mai. E’ una delle tecniche più conosciute per attenuare i dolori del travaglio e rendere più rapido il parto.

    Chiariamo subito che il training autogeno non elimina i dolori (peccato!), ma agisce a livello psicologico. Secondo gli esperti, infatti, pare che il 40% dei dolori sentiti durante la fase del travaglio e del parto sono causati dall’ansia e dal panico che fanno contrarre troppo i muscoli del perineo, che, invece, dovrebbero essere rilassati.

    In poche parole, la tecnica del training autogeno aiuta a tenere sotto controllo l’ansia e la paura, favorendo un maggiore rilassamento dei muscoli e una maggiore serenità alla futura mamma che affronterà più tranquillamente la fase del travaglio e avrà un parto più rapido.

    In cosa consiste il corso di training autogeno? Di solito si pratica nelle strutture ospedaliere ed è tenuto da un’ostetrica e da una psicologa che aiutano le future mamme a concentrarsi sui gruppi di muscoli per rilassarli.

    Il training autogeno non ha nessun tipo di controindicazione, possono praticarlo tutte, soprattutto le future mamme che caratterialmente sono molto ansiose.

    Il training autogeno è utile in tutte le fasi della nostra vita, non solo per affrontare il travaglio e il parto, in quanto aiuta a rilassarsi e a superare lo stress nei momenti più difficili.

    Foto:

    www.askamum.co.uk

    www.pregnancytoday.com

    www.thepregnancyzone.com

    Dolcetto o scherzetto?