La dieta dimagrante funziona meglio se fatta in compagnia

La dieta dimagrante funziona meglio se fatta in compagnia
da in Cellulite, Dieta E Fitness, Primo Piano, peso
Ultimo aggiornamento:

    dieta unione fa la forza

    Per perdere peso velocemente e con ottimi risultati tenete bene a mente un proverbio molto famoso: l’unione fa la forza. Da un recente studio americano infatti è emerso che cominciare una dieta in compagnia moltiplica le probabilità di successo. Un teorema singolare quanto semplice: se vi mettete a dieta e il vostro fidanzato, al contrario, si concede ogni tipo di leccornia, la trasgressione anche per voi è sempre dietro l’angolo. Lo stesso vale per le vostre amiche e per i vostri famigliari: ecco perché, quando decidete di intraprendere una dieta, la cosa migliore da fare sarà anche coinvolgere le persone che vi stanno più vicine.

    Lo conferma uno studio pubblicato sulla rivista “Obesity”, condotto dai ricercatori statunitensi del Miriam Hospital Weight Control and Diabetes Research Center e del Warren Alpert Medical School della Brown University.

    Appoggio, condivisione e competizione: ecco le parole chiave per chi vuole seguire, ma soprattutto portare a termine una dieta ipocalorica. Condividere con gli altri le proprie sensazioni e farsi aiutare a non cedere alle tentazioni è il modo migliore per dimagrire davvero. Per dimagrire davvero è infatti fondamentale anche l’aspetto psicologico.

    La dottoressa Tricia Leahey, autrice della ricerca, sostiene come tutti siano, più o meno, influenzati dai comportamenti delle persone che ci stanno vicine.

    Ecco perché, anche nella dieta, l’influenza positiva delle persone che ci circondano diventa davvero fondamentale.

    Lo dimostra anche il risultato di un progetto davvero particolare, ovvero la gara online “2009 Shape Up Rhode Island (SURI)”, in cui varie squadre virtuali per un totale di circa 3300 persone, si sono “sfidate” per perdere peso. E’ quindi emerso che il lavoro di squadra ha portato i risultati migliori.

    Tricia Leahey, ha infatti detto: “Nel nostro studio, la perdita di peso si è chiaramente aggregata all’interno dei team, il che suggerisce che i compagni di squadra si sono influenzati a vicenda, magari dando responsabilità, una definizione delle aspettative circa la perdita di peso, fornendo incoraggiamento e sostegno”.

    373

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CelluliteDieta E FitnessPrimo Pianopeso Ultimo aggiornamento: Martedì 21/02/2012 18:00
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI