Ginnastica in gravidanza: lo stretching

da , il

    ginnastica gravidanza

    Dopo avervi parlato della danza del ventre adatta alle donne incinta, oggi affronterò una nuova disciplina, lo stretching. E’ un’attività fisica utile per aumentare l’elasticità e ad allontanare stress e stanchezza. Inoltre può alleviare i dolori alla schiena causati dal peso del pancione.

    Lo stretching che si effettua nei corsi pre-parto non ha nulla a che vedere con la disciplina che si svolge normalmente nelle palestre. Questa particolare attività fisica, infatti, viene adattata per le future mamme. Lo stretching è vietato quando la gravidanza presenta dei problemi come minaccia d’aborto o parto prematuro. Anche se la gravidanza prosegue nel migliore dei modi, prima di iscriversi a questo corso, è necessario chiedere il parere del ginecologo.

    Gli esercizi di stretching pre-parto consistono in una serie di movimenti lenti che aiutano a rilassare e distendere la muscolatura. Molto spesso, capita che durante la gravidanza la donna è colpita da sciatalgia, causata dal peso del pancione. Esistono alcuni esercizi di stretching che possono alleviare i dolori provocati da questa patologia.

    L’iscrizione avviene a partire dal 7° mese di gestazione; le lezioni hanno una durata di circa un’ora e mezza e prevedono esercizi di rilassamento, di allungamento dei muscoli e, inoltre, esercizi mirati alla preparazione per il parto. Grazie a questa attività fisica pre-parto, la donna affronta il parto con la muscolatura meno contratta e, teoricamente, il travaglio dovrebbe essere meno doloroso. Gli esercizi prevengono anche l’insorgere di vene varicose, la comparsa di prolasso ai genitali e episodi di incontinenza urinaria che possono colpire le donne dopo il parto.