Gli alimenti da evitare se hai una malattia autoimmune

Gli alimenti da evitare se hai una malattia autoimmune

Chi soffre di malattie autoimmuni ha un sistema immunitario che riconosce come dannose o estranee alcune parti del corpo umano, attaccandole e danneggiandole proprio come fa con virus e batteri. Questa risposta errata può condurre a danni dei tessuti e degli organi colpiti. Scopriamo alcune delle malattie autoimmuni più diffuse e i tipi di alimenti da evitare.

1 di 12

1 di 12

Foto di Krasimira Nevenova/Shutterstock.com

Le malattie autoimmuni sono delle condizioni caratterizzate da una risposta errata del proprio sistema immunitario: ciò avviene quando quest’ultimo riconosce come estranee o dannose alcune parti del corpo umano – organi o tessuti che siano – aggredendoli e danneggiandoli. In poche parole, chi soffre di malattie autoimmuni ha un sistema immunitario funzionante in modo anomalo: questo non attacca soltanto batteri, virus e simili, ma anche le cellule sane dell’organismo. Naturalmente, tali errori da parte del corpo conducono a danni o alterazione dei tessuti e degli organi colpiti. Le malattie autoimmuni hanno un decorso cronico, per cui si rende necessaria la gestione del disturbo per tutta la vita. Sicuramente, i fattori genetici possono essere coinvolti nella comparsa di tali malattie: pare, infatti, esista una sorta di predisposizione allo sviluppo di alcune malattie autoimmuni infiammatorie, ma non tutte le cause sono note. Terapie e trattamenti farmacologici non sono, generalmente, finalizzati alla cura di queste condizioni, ma al contenimento dei sintomi che le riguardano e a un rallentamento dell’avanzamento della patologia. Scopriamo quali sono le malattie autoimmuni più diffuse, i tipi di alimenti da evitare se hai una malattia autoimmune e una lista degli alimenti che fanno bene.

1 di 12

Pagina iniziale

1 di 12

Parole di Elena Arrisico

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Pourfemme, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.