ragazza con fiore in mano

Festa della Donna, le poesie più belle per festeggiare l'8 marzo

Quali sono le più belle poesie per la Festa della donna? Da quelle dei grandi poeti, come le poesie dedicate alle donne di Pablo Neruda o Alda Merini, a quelle degli scrittori contemporanei, come Fabio Volo. Queste frasi poetiche le potremo dedicare a tutte le donne che amiamo

1 di 4

1 di 4

ragazza con fiore in mano
Foto Pexels | Kristina Paukshtite

Per la Festa della Donna le poesie più belle sono un regalo semplice ma pensato che facciamo a noi stesse e alle donne che amiamo. L’8 marzo è vicino e non mancano i motivi che ci spingono a continuare ad onorare questa ricorrenza. Mimose e bouquet di fiori possono andare bene, così come una cena in casa con le amiche, visto che anche per quest’anno i festeggiamenti saranno limitati a causa delle restrizioni. Le poesie per l’8 marzo sono davvero tante e ricche di significato, perfette da dedicare a tutte le donne.

Segnare in rosso sul calendario la casella dell’8 marzo può servirci soprattutto per meditare sulla condizione femminile in Italia. Fare il punto su quello che c’è da fare per arrivare all’agognata “parificazione” tra uomo e donna, a livello lavorativo, sociale, morale e psicologico, e immaginare il tipo di mondo che vorremmo per noi e per le nostre figlie, cominciando subito a muoverci in prima linea per modificare le cose che non ci piacciono, a partire dalla nostra piccola realtà quotidiana. La Festa della Donna è anche un buon momento per prendere ispirazione dalle grandi donne che ci fanno da modello, del passato e del presente, e magari, per farlo anche attraverso le loro parole, i loro versi.

Sono tante le poesie sulle donne, scritte dalle donne ma anche dagli uomini, e rileggerle non può farci che bene. Nutrimento per la mente e per l’anima. Eccone giusto qualcuna…

1 di 4

Pagina iniziale

1 di 4

Parole di Redazione

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Pourfemme, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.