Come pulire i calamari

Come pulire i calamari

Come pulire i calamari

Come pulire i calamari

Siete alla ricerca di alcuni utili consigli su come pulire i calamari? I calamari sono dei molluschi estremamente versatili ed apprezzati in cucina. Di solito vengono utilizzati per preparare antipasti, primi e secondi piatti. Le ricette che potete cucinare con questo ingrediente sono quindi tantissime! Tuttavia, un tipico problema in cui spesso ci si imbatte è la pulizia dei calamari, semplice, ma che richiede un po’ di dimestichezza. Ecco quindi degli utili consigli su come pulire, conservare e congelare i calamari correttamente.

Pulire i calamari

Pulire calamari

Per pulire i calamari come prima cosa lavateli sotto acqua corrente. Con le mani staccate la testa e mettetela da parte. Estraete delicatamente anche la penna di cartilagine che si trova nel mantello ed eliminate le interiora. Rimuovete anche la pelle esterna incidendo la parte finale del mantello in modo da prendere un lembo di pelle. Tirate la pelle e staccatela completamente dal mantello. Con un coltello staccate i tentacoli dalla testa tagliando un po’ sotto gli occhi e poi eliminate il dente del calamaro con le mani. Infine, lavate accuratamente tutte le parti del mollusco sotto acqua corrente.

Tagliare i calamari

Tagliare calamari

A seconda della preparazione potete tenere il mantello interno (per ottenere i calamari ripieni) oppure tagliarlo ad anelli. Se preferite potete aprire il mantello a libro e poi tagliarlo a striscioline nel senso della lunghezza. I tentacoli, invece, possono essere lasciati interi o sminuzzati

Conservare i calamari

Conservare i calamari

Se i calamari sono di medio-grandi dimensioni potete conservarli per un giorno al massimo in frigorifero già puliti e coprendoli con la pellicola trasparente. Se invece sono di piccoli dimensioni è preferibile consumare il mollusco il giorno stesso.

Congelare i calamari

Congelare calamari

Congelate i calamari già puliti e privati delle viscere nei pratici sacchetti gelo e consumateli entro 3 mesi. Per ricordare la scadenza è opportuno utilizzare delle pratiche etichette adesive. Quando dovrete utilizzarli, scongelate i molluschi in frigorifero oppure al microonde.

Parole di Carmela Giglio

Carmela Giglio è stata una collaboratrice di Pourfemme dal 2013 al 2017, occupandosi principalmente di cucina e ricette.

© 2005-2022 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Pourfemme è supplemento a DesignMag, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Roma n° 63 del 4 maggio 2022.