Cellulite: dieci falsi miti da sfatare per combatterla

Cellulite: dieci falsi miti da sfatare per combatterla

Sul tema della cellulite i falsi miti si sprecano: scopri quali sono (e qual è la verità)

Cellulite: dieci falsi miti da sfatare per combatterla
Cellulite falsi miti
Foto Shutterstock | Robert Kneschke

Da sempre, intorno agli inestetismi della pelle si addensano tantissime informazioni sbagliate che restituiscono una fitta galassia di fake news sull’argomento. Il rischio è perdere di vista ciò che fa davvero bene e ciò che, invece, potrebbe essere dannoso per il raggiungimento dell’obiettivo, che è la riduzione della cellulite. Sono davvero tante le notizie errate che gravitano intorno a questo problema, che in questa rassegna di falsi miti cercheremo di mettere a fuoco per fare chiarezza.

Per contrastare la problematica con efficacia occorre sgombrare il campo da tutto ciò che è mera illusione. La cellulite si divide in 3 stadi, a seconda del livello di profondità raggiunto dagli accumuli adiposi.

  • Stadio edematoso: fase iniziale e reversibile, caratterizzata da un ristagno di liquidi;
  • Stadio fibroso: fase reversibile ma da trattare tempestivamente, con noduli nel tessuto adiposo e pelle che presenta il tipico effetto ‘a buccia d’arancia’;
  • Stadio sclerotico: è una fase particolarmente insidiosa perché avanzata e di difficile trattamento, ma comunque reversibile. I noduli sono più grandi e dolenti, con possibile comparsa di edema. Lo stadio sclerotico, se non correttamente trattato, può evolvere in una condizione pressoché irreversibile. Questa si manifesta con un sensibile aumento del dolore al tatto, frutto di un insediamento strutturale dei noduli nel tessuto adiposo con conseguente aumento della pressione sulle terminazioni nervose. Ecco perché conoscere significa avere in mano gli strumenti necessari a un efficace contrasto

1.    La cellulite non colpisce le donne magre

Falso: la cellulite non dipende esclusivamente dall’eventuale sovrappeso ma è una condizione causata da una vasta serie di fattori concorrenti. Ad esempio, lo stile di vita, la sedentarietà e una eventuale componente genetica influiscono nel determinarla, così come squilibri ormonali e cattiva circolazione. Per questo, le donne magre non sono immuni.

2.    La cellulite è un problema esclusivo del mondo femminile

Falso: si tratta di un falso mito assolutamente privo di fondamento. La cellulite, infatti, sebbene maggiormente incidente sulla popolazione femminile, interessa anche i maschietti. Anche per loro valgono gli stessi fattori che la determinano nelle donne, come una scorretta alimentazione e una insufficiente o assente attività fisica.

3.    Esistono esercizi mirati contro la cellulite

Falso: non ci sono specifiche tipologie di esercizi fisici da svolgere per combattere selettivamente la cellulite. Ci sono, invece, una serie di attività che consentono di tonificare e mantenere elastici i tessuti, in modo da contrastare anche l’accumulo di adipe nella pelle.

4.    Bere molto contrasta la cellulite

Falso: vi è mai capitato di sentirvi dire che occorre bere tanto per bruciare la cellulite? Se la risposta è affermativa e la cosa vi ha convinto, vi sbagliavate. Un eccessivo apporto di liquidi, infatti, non solo potrebbe avere un effetto dannoso per l’equilibrio dell’organismo, metabolismo su tutti, ma non è certamente un modo per abbattere l’accumulo di fastidiosi inestetismi.

5.    Il digiuno aiuta a eliminare la cellulite

Falso: rinunciare completamente al cibo, con il tanto pubblicizzato digiuno che balza in testa ai trend sui social, a cadenza più o meno regolare, è quanto di più sbagliato possa esistere nella strategia di contrasto alla cellulite. Stare senza mangiare impoverisce i muscoli e li rende meno efficienti, con una conseguente sensibile riduzione della tonicità del corpo e della naturale capacità che le fibre investono nel sostenere i tessuti.

6.    I prodotti anticellulite fanno male

Falso: ci sono validissimi prodotti anticellulite, come alcune creme specifiche, capaci di dare un importante supporto nella battaglia contro questa condizione. Utilissimo sceglierli con cura e applicarli secondo le indicazioni, senza trascurare i massaggi per stenderla correttamente sulle aree interessate. In questo falso mito rientra la leggenda della presunta interferenza dei preparati dermatologici a base di levotiroxina (ormone tiroideo) sul funzionamento della tiroide e sugli equilibri ormonali. Non è assolutamente vero: la levotiroxina, applicata sulla pelle, non entra in circolo e quindi è esclusa ogni ipotizzata azione sulla tiroide. Questo tipo di prodotti, dunque, non ha alcuna interazione con il funzionamento tiroideo e sull’assetto ormonale: il loro uso, secondo gli studi condotti, è sicuro.

7.    La cellulite non colpisce i giovani

Falso: sebbene l’età incida in modo importante sulla tonicità ed elasticità della pelle – queste ultime in fisiologico calo con l’avanzare degli anni – non è affatto vero che la cellulite non colpisce i giovani. Ciò è chiaramente evidente se si torna ai famosi fattori affrontati nella prima scheda di questo articolo: scorretta alimentazione, vita sedentaria e cattiva circolazione sono determinanti, e va da sé che queste condizioni non sono un’esclusiva di chi è più avanti con l’età.

8.    La cellulite è semplicemente grasso in eccesso

Falso mito anche questo: la cellulite non è semplicemente grasso, altrimenti non si spiegherebbe la difficoltà nell’incidere sul suo trattamento. È il risultato della degenerazione del tessuto adiposo sottocutaneo e si manifesta con i classici avvallamenti o buchi sulla pelle, con il conseguente effetto ‘a buccia d’arancia’.

9.    La liposuzione risolve la cellulite

Falso: gli interventi di chirurgia estetica, come la liposuzione, sono volti a neutralizzare gli effetti ma non le cause della cellulite. Per questo, non si tratta di un’azione risolutiva e va sempre accompagnata a corrette strategie di mantenimento (dalla dieta equilibrata a una costante attività fisica ai massaggi con creme anticellulite).

10. Dimagrire permette di eliminare la cellulite

Falso: anche questa è una leggenda dura a morire ma facilissima da smontare. Dimagrire non è sinonimo di annullamento della cellulite, perché alla sua formazione, come ormai chiaro, concorrono tanti fattori e incide un ventaglio di variabili da tenere sempre in considerazione. La cellulite? Praticamente un problema comune, senza distinzione di sesso ed età. Combatterla si può, grazie a un’alimentazione corretta, allo sport e a un buon prodotto anticellulite. Tre elementi essenziali in questa battaglia, da mettere in campo insieme per arrivare al traguardo.

Parole di

© 2005-2022 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Pourfemme è supplemento a DesignMag, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Roma n° 63 del 4 maggio 2022.