Rocio Munoz Morales confessa: Sogno una famiglia allargata

Rocio Munoz Morales si racconta in un’intervista a Vanity Fair. La bella attrice spagnola rivela qualche dettaglio della sua quotidianità con Raoul Bova e la loro figlia Luna. Poi confessa il suo più grande desiderio: quello di una famiglia allargata.

Italy Venice Film Festival 2017

“Vorrei avere una famiglia allargata”. Con queste parole Rocio Munoz Morales svela il suo desiderio. La bellissima attrice spagnola, legata sentimentalmente a Raoul Bova dal 2013, sembra aver avuto tutto ciò che una donna possa mai volere dalla vita. Rocio Munoz Morales ha un compagno fantastico, una splendida bambina e una carriera di tutto rispetto. Eppure c’è ancora qualcosa che le manca…

Rocio Munoz Morales, la vita con Raoul Bova

Da qualche anno, la sua vita è completamente cambiata. Rocio Munoz Morales ha al suo fianco uno degli uomini più ambiti d’Italia, e tra di loro va a meraviglia. Dopo aver superato il difficile momento che ha seguito la separazione di Raoul Bova dalla sua ex moglie Chiara Giordano, finalmente i due innamorati si godono la quotidianità.

“Mettiamo la musica, cuciniamo, ci buttiamo a terra e giochiamo con la piccola” – rivela Rocio in un’intervista rilasciata a Vanity Fair. “Ci piace la siesta, il pomeriggio: stare sotto le coperte a leggere, dormire abbracciati tipo contorsionisti felici”. Ecco la domenica tipica di Rocio e Raoul, almeno da quando è nata la loro piccola Luna, che ha da poco festeggiato due anni.

C’è però ancora un desiderio da realizzare: “Quello di una famiglia allargata dove amore e rispetto siano le parole più importanti per tutti. Dove potere stare finalmente uniti e in equilibrio dentro la vita di un padre, con normalità e affetto”.

Infine l’attrice svela una dolcissima curiosità sulla figlia. L’hanno chiamata Luna “per avere un nome che fosse uguale in spagnolo e in italiano. Non come il mio, che genera sempre gran casino. E poi anche perché con Raoul abbiamo visto molte lune insieme”.
[vedianche type=”gallery” id=”5643″]

Parole di Giulia Sbaffi