Cinque regole d'oro per realizzare delle patatine fritte super croccanti

Le patatine fritte sono un piatto facile da preparare e super sfizioso. Ecco quindi cinque consigli per realizzarle a regola d'arte

Ragazza che mangia patatine fritte

Foto Shutterstock | Dean Drobot

C’è qualcosa di più goloso della patatine fritte? Probabilmente no.

La cosa davvero bella è che non serve essere degli chef provetti per realizzarle. Le patatine, infatti, sono facili da realizzare anche in casa, se si seguono i consigli giusti.

Con o senza salse, con un pizzico di sale o qualche spezia, le patatine fritte sono un piatto gustosissimo da proporre che accontenta tutti, grandi e bambini, e vi farà subito fare bella figura con i vostri ospiti.

Ecco quindi quali sono le cinque regole d’oro per delle patatine fritte superlative e che non hanno assolutamente nulla da invidiare a quelle che avete mangiato nei vostri ristoranti preferiti (o nei fast food).

La croccantezza è la chiave di tutto

Le patatine fritte, per essere considerate tali, devono essere super croccanti. La croccantezza, infatti, è la chiave della riuscita ottima di questo piatto.

Per rendere le vostre patatine super croccanti, quindi, vi basterà seguire due piccoli accorgimenti. Prima di tutto, vi consigliamo di scegliere delle patate gialle, perché questa tipologia di prodotto ha meno amido.

Una volta lavate e sbucciate, ecco il trucco per renderle croccantissime: andranno lasciate a riposo in acqua e sale per dieci minuti. Una volta fatte riposare, andranno asciugate per bene. Questo perché altrimenti, mettendole nell’olio bollente, rischiereste di incorrere in schizzi caldissimi e indesiderati.

Per le patatine fritte va usato l’olio giusto

Anche la scelta dell’olio da utilizzare è fondamentale per delle patatine fritte a regola d’arte. Ecco perché noi vi consigliamo di utilizzare l’olio di semi di girasole. Questa tipologia di olio va infatti preferita a quello extravergine, buonissimo, che però rende le patatine fritte poco digeribili.

Bisogna avere pazienza, le patatine fritte vanno immerse nell’olio poco per volta

Dopo aver fatto riposare le patate e aver scelto, e fatto riscaldare, l’olio giusto, è importante non avere fretta. Tra poco gusterete le vostre patatine fritte fatte in casa, super croccanti, ma affinché siano davvero così dovrete seguire un’unica e semplice regola: immergerle nell’olio poco per volta.

Infatti, inserendole nella friggitrice o nella padella tutte insieme, rischierete che si “incollino” tra di loro e, ovviamente, ne risentiranno più che nel gusto, proprio nella croccantezza.

Vanno salate subito

In tanti magari pensano che ognuno debba salare a piacere la sua porzione di patatine, ma questo non è proprio corretto.

Infatti, una volta tirate fuori dall’olio, le patatine fritte devono essere scolate su carta assorbente, per eliminare l’olio in eccesso, e salate subito. Questo perché, se lasciate per troppo tempo a scolare, potrebbero perdere la croccantezza e risultare poi troppo morbide.

Quindi scolare, salare e via, servire calde al punto giusto con le vostre salse preferite.

Sapevate che le bucce delle patate sono buonissime? Non buttatele via

Un consiglio, che vi farà sentire degli chef provetti, è quello di non buttare via le bucce.

Friggete, a parte, anche le bucce. Questo non solo vi permetterà di ridurre gli sprechi, utilizzando tutte le parti delle patate, ma vi assicurerà anche una bella figura con i vostri commensali, oltre che uno snack facile e veloce da realizzare.

Ecco quindi la nostra ricetta, per 4 persone, per delle patatine fritte croccanti a regola d’arte:

  • Patate (a pasta gialla, o quelle che più preferite): 800 gr
  • Olio di semi di girasole, 700 gr
  • Sale q.b.

Iniziamo la preparazione delle patatine fritte pulendo le patate. Mettiamo le bucce da parte e tagliamo il nostro prodotto nel modo che preferiamo, a spicchi o a listarelle, con uno spessore che può andare da 1 a 3 cm.

Una volta tagliate, lasciare riposare le patate per 10 minuti in acqua ghiacciata, insieme ad un pizzico di sale. Una volta trascorso il tempo di riposo, asciugarle bene.

Mentre le patate sono in acqua ghiacciata, in un tegame (o in una friggitrice), versiamo l’olio di semi e portiamolo a circa 170°.

Una volta che l’olio sarà pronto, immergiamo le patate poco per volta. Una volta immerse, attendiamo circa 5 minuti e, quando risulteranno dorate e dall’aspetto croccante, tiriamole fuori e adagiamole sulla carta assorbente, salandole a piacere.

Una volta concluso questo ultimo passaggio, le nostre patatine fritte a regola d’arte saranno pronte da servire, croccanti e gustose, con le salse che desideriamo.

Parole di Benedetta Minoliti

Benedetta Minoliti, nata a Milano il 24 marzo 1993. Sono laureata in Lettere moderne all’Università degli Studi di Milano e diplomata presso la Scuola di Giornalismo dell’Università Cattolica di Milano. Non esco mai di casa senza le cuffie, ascolterei la musica anche mentre dormo e adoro scattare polaroid. Collaboro con AlaNews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.