Mente: l’arte di socializzare è nei geni

Secondo una ricerca americana la capacità di socializzare risiede nei geni, l’essere in grado di gestire una rete ampia di conoscenze dipende anche dal nostro codice genetico.

dna

Da cosa dipende l’essere più o meno socievole? Perché ci sono persone che hanno tantissimi amici e altre no? Una ricerca condotta dall’università di Harvard ci spiega che il segreto risiede nel codice genetico.

Continua a leggere

Ebbene si non è colpa nostra se siamo degli orsi bruni, schive, sospettose e poco inclini ad avere una schiera di amici a portata di mano, è tutta colpa e, in alcuni casi, merito del nostro codice genetico.
 

Continua a leggere

I ricercatori hanno fatto dei test sui gemelli, in modo da avere un codice genetico uguale in parte o del tutto; nei gemelli eterozigoti il codice genetico è uguale per metà, in quelli omozigoti è identico. Confrontando le reti sociali tra i gemelli è stato dimostrato che i gemelli omozigoti avevano tipo e numero di rapporti più simili tra loro.
 

Continua a leggere

Questo dimostra che i geni svolgono un ruolo importante nella capacità di socializzare, di quanto si è predisposti a presentare tra loro i propri amici. Secondo gli scienziati questo studio è importante ai fini dell’evoluzione, perché spiega come la genetica aiuti il posizionamento in un gruppo sociale, l’essere socievoli aiuta su tanti fronti, come ricevere informazioni e quindi anche probabilità di fare nuove conoscenze, trovare lavoro, probabilmente anche di trovare l’uomo giusto dato che il campione in cui si estende la ricerca è più ampio.
 

Ma è davvero tutto qui? O abbiamo i geni socievoli o niente? Io penso che anche la regola dei pochi amici ma buoni valga seguita, almeno si è sicuri che abbiamo intorno sia sinceramente legato a noi da affetto e stima.
 

Continua a leggere

Continua a leggere

Foto da:
www.unifi.it
mammachioccia2.altervista.org
www.vociperlaliberta.it

Parole di Serena Vasta

Da non perdere