Come si apparecchia il tovagliolo secondo il bon ton: a destra o a sinistra?

Quando si apparecchia la tavola, basta seguire alcune semplici regole, ma se c'è un elemento che ogni volta ci mette in crisi è la posizione del tovagliolo: ecco dove va messo secondo gli esperti del galateo!

tavola apparecchiata mise en place

Foto Shutterstock | Akasha

Una tavola gradevole allo sguardo è più apprezzata anche dal palato. Anche se non siete cuoce eccelse, ricordate che una tavola ben apparecchiata può fare la differenza quando avete ospiti. Infatti, rende l’atmosfera più accogliente e il pasto più piacevole. Se le regole di base del bon ton sono ormai ampiamente condivise e riconosciute, ci sono alcuni elementi della tavola che ancora dividono gli esperti. Primo fra tutti, il tovagliolo! Va a destra o a sinistra? Sotto il piatto o sopra? Rettangolare o a triangolo? Forse non esiste una risposta esatta a ognuna di queste domande, ma oggi proviamo a capire dove e come disporre il tovagliolo per un tavola impeccabile.

La regola del tovagliolo: come si dispone oggi in tavola!

In linea generale il tovagliolo si piega, a rettangolo o a triangolo, e si dispone a sinistra del piatto. Sopra le forchette va l’eventuale piattino del pane e sopra coltello e cucchiaio si mettono invece i bicchieri. Eppure, secondo alcuni, il tovagliolo è da mettere a destra del piatto. Dunque, chi ha ragione? La risposta è: entrambi. Infatti la disposizione del tavolo a destra o a sinistra del piatto dipende da due diverse tipologie di mise en place: una all’inglese e l’altra alla francese.

Leggi anche: Come apparecchiare la tavola in giardino

Mise en place all’inglese? Il tovagliolo va a sinistra

Se si sceglie di seguire la mise en place all’inglese, il tovagliolo è da disporre rigorosamente a sinistra, per bilanciare visivamente gli elementi che occupano la parte destra del piatto, ovvero coltello, cucchiaio e bicchieri in alto a destra. In questo modo non solo si evita un sovraffollamento di elementi a destra del piatto, ma permette anche un gesto fluido ed elegante, quando con la mano destra si afferra un lembo del tovagliolo e lo si dispiega con naturalezza sulle gambe.

Mise en place alla francese? Il tovagliolo va a destra

Ma c’è anche chi preferisce mettere il tovagliolo a destra, come prescrive l’antichissima tradizione francese. Alla corte francese era abitudine disporre le posate con i rebbi all’ingiù (le punte della forchetta, per intenderci), in modo da sottolineare il proprio status sociale. Dietro la forchetta veniva infatti inciso lo stemma nobiliare, che doveva essere ben visibile agli occhi degli ospiti.

Leggi anche: Apparecchiare la tavola con stile per un tè con le amiche

La mise en place alla francese è facilmente riconoscibile: le posate sono posizionate all’ingiù, i bicchieri sono disposti in fila sopra il piatto e il tovagliolo può essere messo a destra (dal momento che non si crea lo sbilanciamento a cui si accennava prima). La messa in tavola alla francese è caduta in disuso nel corso dei secoli, anche se ha vissuto un momento di gloria anche in Italia, in epoca sabauda, sfoggiata in occasione di eventi formali.

Lo sapete chi ha inventato il tovagliolo?

Ed ora una curiosità! Fino all’epoca tardo medievale, i commensali si pulivano la bocca con un lembo della tovaglia. In alternativa, si poteva adoperare una fetta di pane, il cosiddetto pane da bocca, ideale per pulirsi la bocca e per essere poi mangiato.

Il tovagliolo fu inventato soltanto alla fine del XV secolo da nientemeno che Leonardo da Vinci, stanco della sporcizia che si creava durante i sontuosi banchetti banditi dalla corti rinascimentali. Si racconta che la prima volta in cui Leonardo da Vinci apparecchiò la tavola con tanto di tovaglioli, i commensali non seppero che farsene e lo usarono nei modi più disparati: chi per soffiarsi il naso, chi come oggetto ludico da lanciare, altri ancora ci nascosero le vivande da portare a casa e altri ci si sedettero persino sopra,

Parole di Linda Pedraglio