Cinque ingredienti che aiutano a combattere le cicatrici dell’acne

Cicatrici, macchie, tono disomogeneo dell’incarnato e superficie irregolare del derma sono lì a ricordare che abbiamo avuto l’acne. Ecco però cinque prodotti che aiutano a combattere questi inestetismi

Donna con cicatrici da acne

Foto Shutterstock | surowa

Purtroppo chi ha dovuto affrontare l’acne spesso si trova a dover combattere anche con i suoi lasciti: macchie, tono disomogeneo dell’incarnato e superficie irregolare del derma. Le cicatrici dell’acne sembra stare lì per ricordarci ogni giorno la dura battaglia contro questa malattia cronica della pelle.

Skin positivity, le influencer sui social non nascondono più l’acne

I cinque ingredienti per combattere le cicatrici dell’acne

Alcune cicatrici dell’acne sembrano non volersene andare mai, ma prestando attenzione ai prodotti giusti non tutto è perduto. Ecco i cinque ingredienti che aiutano a combattere l’acne.

Prodotti a base di CBD

I prodotti a base di CBD hanno un effetto calmante e antinfiammatorio, per questo sono ottimi per prevenire e alleviare i rossori che possono emergere intorno alle cicatrici dell’acne.

Abbinato all’acido ialuronico poi il CBD, utilizzabile sotto forma di olio, ha anche un effetto riempitivo: distende la pelle rimpolpandola e attenuando eventuali irregolarità sulla superficie della pelle.

AHA e acido salicilico

L’esfoliazione è uno degli step della skincare da non sottovalutare per chi si trova ad affrontare le cicatrici dell’acne. Prestando attenzione a non esagerare (rischiando così di causare ulteriori rossori e infiammazioni irritando la naturale barriera protettiva del derma), l’utilizzo di un prodotto esfoliante potrebbe davvero cambiare radicalmente l’aspetto della pelle.

Le possibilità sono diverse: si può optare per un tonico a base di AHA (acido lattico o mandelico) usato quotidianamente, oppure con cicli di trattamenti localizzati a base di acido salicilico, infine, resta la possibilità di trattamenti più aggressivi, come dischetti imbevuti di acidi o maschere per il peeling, da utilizzare però solo una volta la settimana.

Il peeling comunque è una pratica aggressiva sulla pelle e sarebbe bene rivolgersi ad un medico dermatologo per capire quali sono necessità e controindicazioni di ogni caso specifico.

Nicotinamide 

È un ingrediente forse poco consciuto ma molto importante per combarrere cicatrici e danni provocati dal sole, come iperpigmentazione o discolorazione cutanea. La nicotinamide è una vitamina idrosolubile del gruppo B che agisce inibendo la produzione degli enzimi responsabili della pigmentazione.

È anche antinfiammatoria, quindi agisce molto bene sulla texture della pelle senza provocare le irritazioni tipiche degli acidi sopraelencati, rendendola un prodotto ottimo per l’uso quotidiano.

Vitamina C

La vitamina C è come la Fata turchina degli antiossidanti per la nostra pelle: illumina e rischiara. Contribuisce a mitigare i segni lasciati dalle cicatrici dell’acne e anche a “scolorire” i segni scuri favorendo la produzione di collagene che riduce lo stress ossidativo delle cellule e ne favorisce il riciclo.

Leggi anche: Vitamina C per una pelle luminosa, benefici e prodotti da provare

Curcuma

La curcuma è un antimicrobico e antisettico, il che vuol dire che elimina e inibisce la produzione di microbi sulla pelle. Il vantaggio dell’uso topico di questo potente rimedio naturale, più conosciuto in cucina che in dermocosmesi, è quello di alleviare il rossore e favorire il processo di disinfiammazione.

Usarlo è molto semplice: basta mescolare un po’ di polvere di curcuma con del miele e utilizzare la mistura come una maschera da applicare sulle cicatrici lasciate dall’acne.

Retinolo

I retinoidi sono composti chimicamente collegati alla vitamina A, e sono utilizzati per le loro proprietà rigenerative. Favoriscono infatti il riciclo cellulare e, oltre a trattare le cicatrici dell’acne, agiscono su rughe e linee di espressione, quindi hanno un doppio vantaggio.

E se non fosse abbastanza ce n’è anche un terzo: prevengono l’insorgere di nuovi sfoghi cutanei. L’unica controindicazione è che la pelle ci mette un po’ di tempo per “accettarli”, quindi è bene utilizzarli con sotto controllo di un dermatologo.

Parole di Elena Pavin