Incendi in Italia, la mappa dei luoghi che continuano a bruciare

La Penisola nella morsa del fuoco: un inferno di roghi difficili da spegnere che ha colpito, in soli 7 giorni, un'area vasta complessivamente quanto quella interessata dagli incendi in tutto il 2016. Oltre 27mila ettari devastati dalle fiamme, 122 i roghi attivi in una sola settimana. Una situazione che mette a dura prova le capacità di intervento a livello nazionale, con uomini e mezzi impegnati ininterrottamente in molte regioni: ecco una mappa delle più colpite.

da , il

    Incendi in Italia, la mappa dei luoghi che continuano a bruciare

    Non si arresta la spaventosa emergenza incendi in Italia: la mappa dei luoghi che continuano a bruciare si estende e interessa in modo critico 3 regioni, da giorni alle prese con giganti di fuoco difficili da domare. A rischio cittadini, flora e fauna, in quello che sembra essere il peggiore disastro ambientale degli ultimi anni. Toscana, Lazio e Campania sono interessate dalle situazioni più preoccupanti.

    Incendi in Italia da Nord a Sud: la Penisola nella morsa del fuoco

    I dati sui roghi che hanno aggredito la Penisola da Nord a Sud sono molto preoccupanti. In 7 giorni ridotta in cenere un’area vasta quanto quella che interessò l’Italia in tutto il 2016. Oltre 27mila ettari andati a fuoco nella sola settimana scorsa, per un totale di 122 incendi di grandi dimensioni. Lo rende noto l’European Forest Fire Information System della Commissione europea (Effis), che monitora la mappa dei luoghi interessati dall’emergenza.

    Dall’inizio dell’anno al 15 luglio scorso, stando alle stime Effis, le fiamme hanno divorato un’area di 52.374 ettari. Di questi, 34.956 sono bruciati nei primi 15 giorni del mese di luglio.

    Dei 122 incendi di grandi dimensioni registrati, la maggior parte ha coinvolto oltre 30 ettari di estensione; nei primi 15 giorni di luglio i roghi sono stati 176. Da inizio anno al 15 luglio si sono contati 272 roghi di vaste dimensioni. Oltre ai dati negativi che descrivono un quadro piuttosto sensibile all’emergenza, si tratta di incendi che hanno spesso origine dolosa, risultato di veri e propri disegni criminali che in pochissimo tempo raggiungono proporzioni mastodontiche.

    Mappa degli incendi in Italia, le regioni più colpite

    La settimana appena conclusa non ha dato tregua alle aree della Penisola maggiormente colpite dal fronte di fuoco. Ancora roghi importanti in 3 regioni del Centro Sud: Toscana, Lazio e Campania. Il bilancio è drammatico, e il disastro ambientale appare in tutta la sua evidenza agli operatori impegnati sul posto. Anche Sicilia, Calabria e Sardegna hanno visto focolai in alcune zone, costiere e interne, ma la situazione è rientrata ben presto sotto il controllo delle unità d’intervento. Oltre alle ipotesi del dolo, ad appesantire il clima di tensione e preoccupazione è anche il vento, complice della riattivazione di alcuni focolai nelle regioni ancora interessate.

    Toscana

    La Toscana è una delle regioni più colpite, in particolare la provincia di Pistoia, dove da domenica i Vigili del Fuoco lavorano allo spegnimento di un vasto incendio sulle colline sopra Montale. La situazione non è del tutto sotto controllo. Altri incendi minori interessano da diverse ore le provincie di Siena, Pisa, Livorno e Grosseto. Impegnati anche Canadair e due elicotteri.

    Lazio

    Anche in Lazio si lavora in estrema emergenza. Situazioni critiche sono registrate nella zona di Ostia, in particolare nella pineta di Castel Fusano, su cui si indaga per incendio doloso. Chiusa via Cristoforo Colombo a causa del denso fumo che ha invaso la carreggiata, con forte congestionamento del traffico, deviato nelle strade adiacenti. Poco lontano, un recente rogo è divampato nella pineta delle Acque Rosse, con un’alta colonna di fumo visibile da lunga distanza.

    Campania

    Oltre al mostro di fuoco che da giorni tiene in scacco il Vesuvio, altri incendi sono divampati nella Riserva naturale degli Astroni. Elicotteri e Canadair al lavoro anche nelle provincie di Salerno e Caserta. Fiamme anche sulla collina di Posillipo, a Napoli. Impegnati anche gli uomini della Polizia Municipale, per evitare che intasamenti nel traffico possano causare un ritardo nelle delicate operazioni di spegnimento.

    La flotta di soccorso, impegnata su più fronti su tutto il territorio nazionale, conta al momento 28 velivoli operativi, tra Canadair ed elicotteri.