Congedo di paternità: Sicilia al primo posto, Lombardia e Veneto fanalini di coda

da , il

    Congedo di paternità: Sicilia al primo posto, Lombardia e Veneto fanalini di coda

    Il congedo di paternità è fruibile dal padre entro il quinto mese di vita del bambino e consente l’astensione dal lavoro da parte del lavoratore per tutta la durata del congedo di maternità o per la parte residua che sarebbe spettata alla lavoratrice madre in determinati casi specifici. La legge di stabilità 2016, che è stata pubblicata il 21 dicembre scorso sulla Gazzetta Ufficiale, ha aumentato la durata del congedo obbligatorio del padre. Nel nostro Paese i padri lavoratori che usufruiscono maggiormente del congedo di paternità sono quelli siciliani. Agli ultimi posti si trovano quelli lombardi e veneti.

    La legge di bilancio ha previsto una giornata in più di congedo facoltativo, per un totale di 5 giorni. Un risultato certamente importante, ma ben lontano dalla media europea. Ad esempio in Spagna i neo papà hanno 13 giorni di congedo parentale. Sono ben due settimane in Irlanda. I neo papà portoghesi hanno 20 giorni di congedo. I più fortunati sono sicuramente i padri lavoratori finlandesi che hanno un congedo di paternità di ben 54 giorni! A livello europeo la legislazione in materia è piuttosto differente. In 14 Stati membri, tra cui la Germania e la Danimarca, i congedi parentali possono essere divisi tra i genitori. In 12 Stati membri, tra cui l’Italia e la Francia, si tratta di un diritto individuale mentre in altri Stati, come ad esempio il Portogallo e la Svezia, i congedi parentali comprendono due parti: una che può essere utilizzata in modalità condivisa e un’altra che non può essere condivisa.

    LEGGI LE ULTIME NEWS SUL CONGEDO PER LE DONNE VITTIME DI VIOLENZA

    Il consulente del lavoro ed esperto di direzione del personale in outsourcing, Simone Colombo, ha fatto un’analisi piuttosto approfondita sulla situazione italiana in materia di congedo di paternità: “Cinque giorni sono certamente utili anche solo per il disbrigo delle prime pratiche amministrative e per aiutare la famiglia con la nuova organizzazione, ma non sono risolutivi”. Ha sottolineato che l’obiettivo resta quello di arrivare ai 15 giorni di congedo obbligatorio per i papà.

    Attualmente com’è la situazione in Italia? Al primo posto c’è la Sicilia. Il 30% dei siciliani usufruisce del congedo di paternità. Al secondo posto la regione Lazio con il 18,4% e al terzo posto la Sardegna con il 16,7%. Le regioni a più alta occupazione pubblica sono pertanto quelle dove le richieste sono maggiori, mentre, le regioni a più alta occupazione privata, come Veneto e Lombardia, sono ultime e ferme all’8,1%.

    SCOPRI PERCHE’ IL LAVORO FEMMINILE E’ POCO INCORAGGIATO IN ITALIA

    Colombo ha poi analizzato un altro importante tema: la partecipazione delle donne al mercato del lavoro. “È comprovato da studi di settore che un congedo parentale lungo possa avere una ricaduta negativa sulle lavoratrici – ha spiegato il consulente del lavoro -, qualora non venga il più possibile condiviso con il partner. Le donne avendo, infatti, retribuzioni di norma più basse, sono generalmente coloro che usufruiscono di tali congedi, rimanendo quindi più a lungo lontane dal mercato del lavoro, con una ripercussione negativa sulle proprie skill. Questo meccanismo alimenta anche fattori di segregazione orizzontale e verticale e più in generale di discriminazione“. La situazione è leggermente migliorata in questi ultimi anni, ma c’è ancora molto da fare.

    SCOPRI QUALI SONO I MIGLIORI PAESI PER LE DONNE LAVORATRICI