Santa Messa per la Canonizzazione della Beata Madre Teresa di Calcutta

Madre Teresa di Calcutta, le frasi più belle della Santa dei poveri

Madre Teresa di Calcutta è stata proclamata Santa il 4 settembre 2016 da Papa Bergoglio a Roma davanti a una folla enorme. Personaggio amato, Nobel per la Pace, ha dedicato la sua vita i poveri e ai bisognosi. Ci ha regalato anche tanti insegnamenti sulla vita. Ecco le frasi più belle della suora albanese.

1 di 8

1 di 8

Santa Messa per la Canonizzazione della Beata Madre Teresa di Calcutta

Domenica 4 settembre la suora albanese e indiana d’adozione Madre Teresa di Calcutta, al secolo Gonxha Agnes Bojaxhiu (1910-1997), è stata proclamata Santa. Una vita la sua dedicata interamente ai poveri e ai bisognosi. Madre Teresa erà già stata proclamata beata con Giovanni Paolo II il 19 ottobre 2003 e due anni dopo era iniziato il processo di canonizzazione.
Il miracolo che consente a Madre Teresa di essere proclamata Santa riguarda la guarigione di un uomo: l’ingegnere brasiliano Andrino di 35 anni, in coma, e considerato senza speranza di vita per gli ascessi multipli cerebrali con idrocefalo ostruttivo. La moglie dalla sera prima del ricovero, pregava Madre Teresa, alla quale era devota, affinchè “curasse” lei stessa il marito. Si trattava di un caso clinico disperato che si è risolto rapidamente senza alcun intervento chirurgico. La guarigione è stata dichiarata all’unanimità scientificamente inspiegabile dalla consulta medica della Congregazione delle cause dei santi.
Ieri a Roma, davanti a oltre 120mila persone, 13 capi di Stato e di governo, Papa Bergoglio ha annunciato che la suora è santa. Vediamo quali sono le frasi più belle che ci ha regalato nel corso della sua vita, dedicata ai poveri, alle persone sofferenti, questa “instancabile operatrice della misericordia”.

1 di 8

Pagina iniziale

1 di 8

Parole di Lavinia Sarchi

© 2005-2021 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Pourfemme, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.