Patatas bravas

  • facile
  • 30 minuti
  • 4 Persone
  • n.d.

Oggi vi proponiamo la ricetta originale spagnola delle patatas bravas, una tapas servita con delle deliziose salsine di accompagnamento. La preparazione della ricetta è davvero semplicissima. Tagliate e pelate le patate, bollitele in acqua leggermente salata in modo da renderle morbide e poi friggetele in abbondante olio di oliva facendole dorare per bene. Le patatas bravas sono di solito servite con salsa bravas piccante o salsa aioli (preparata con maionese e aglio). Ovviamente, potete utilizzare anche altre salse a scelta come: la salsa rosa, salsa yogurt o un semplice ketchup. Il piatto viene anche arricchito con altri ingredienti come chorizo, pollo o pesce fritto. Un’altra popolare variante è la tortilla brava, una frittata di patate condita con la salsa bravas piccante.

Ingredienti

  • Patate 1 kg
  • Passata di pomodoro 80 gr
  • Sale q.b.
  • Olio di oliva q.b.
  • Peperoncino q.b.
  • Paprica dolce q.b.
  • Aceto di vino rosso 3 cucchiai

Preparazione

  1. In una pentola fate bollire 2 litri di acqua e salatela leggermente. Lavate le patate sotto acqua corrente e pelate. Tagliatele a cubetti o della forma che preferite e versatele nell’acqua quando inizierà a bollire. Fate bollire le patate per circa 15 minuti. Nel frattempo, in una ciotolina preparate la salsa bravas mescolando insieme la passata di pomodoro, l’aceto, un cucchiaio di paprika dolce e qualche peperoncino (aggiungete la quantità che preferite a seconda di quanto volete rendere piccante la salsa).

  2. Trascorsi 15 minuti, scolate le patate e fatele raffreddare. Friggete in una padella con abbondante olio di oliva ben caldo o in una friggitrice facendole dorate da tutti i lati. A questo punto, versate le patate in un piatto, salatele e conditele con un pizzico di paprica dolce. Infine, servite le patatas bravas con la salsina piccante.

Consigli

Se preferite potete servire le patatas bravas con altri condimenti come: salsa rosa, salsa aioli, salsa yogurt

Parole di Carmela Giglio

Da non perdere