Le migliori carte da parati per decorare la casa

La carta da parati è una soluzione di grande effetto per arredare gli ambienti in modo elegante e sofisticato, purché si scelgano materiali di qualità. Ecco come sceglie

cara da parati instabilelab

Foto Instabilelab

Una soluzione semplice e moderna per poter arredare la casa senza riempirla di mobili è puntare sulla decorazione dei muri. Oltre al colore della tinteggiatura, però, ci sono altre possibilità, come la carta da parati.

Per molti anni è stata considerata vecchia e poco pratica, ma grazie alle tecniche e ai materiali innovativi utilizzati oggi è diventata una soluzione pratica e di grande impatto.

Perché scegliere (o non scegliere) la carta da parati

Ovviamente, la carta da parati ha i suoi pro e contro. Non è adatta a tutti gli ambienti. I vantaggi, oltre ovviamente alla capacità decorativa, sono la possibilità di personalizzazione. Molte aziende, infatti, offrono la possibilità di stampare il proprio pattern o immagine preferita, creando una carta da parati unica.

Carta da parati wallpepper
Foto Wallpepper

Grazie all’utilizzo di materiali speciali, può essere fonoassorbente, oltre a proteggere i muri, mascherando anche piccole imperfezioni in caso di vecchie costruzioni. Non ha bisogno di essere rinfrescata spesso, come la tinteggiatura, perché dura a lungo

Di contro, proprio la durata ci obbliga a scegliere qualcosa che vogliamo a lungo, senza la possibilità di cambiare spesso (a meno che non si voglia incorrere in costi eccessivi). La protezione dei muri implica che, in caso di incidenti, si rovini proprio la carta da parati, che è però difficilmente riparabile.

Richiede anche che la posa venga fatta da un esperto, per risultati ottimali, e non può essere fatta da sé.

carta da parati fischbacher
Foto Fischbacher

Le caratteristiche da ricercare

Se decidiamo di applicare la carta da parati è bene che sia un prodotto di buona qualità. Per esserne sicuri, dovrebbe avere alcune caratteristiche essenziali: essere ignifuga, avere uno spessore consistente, essere idrorepellente (nel caso venga posata in ambienti umidi soprattutto, come bagno e cucina), inodore e possibilmente ecologica, resistente agli urti e anti giallo.

I materiali utilizzati

Non esiste un solo tipo di carta da parati, ma viene prodotta in diversi materiali, ognuno con le proprie caratteristiche.

carta da parati muralwalpaper
Foto Muralwalpaper

La carta da parati in vinile è ottima per pareti e soffitti interni per via della sua trama leggera ma resistente. È ottima per una stampa decorativa.

C’è poi il wallcovering, in lamina metallica, che viene utilizzato per donare riflessi cangianti metallici o che ricordino la seta alle pareti. Anche questa è perfetta per gli interni e dona una texture molto tattile.

Per l’isolamento acustico, il vinile a doppio passaggio è il materiale ideale, perché formato da strati differenziati.

La carta da parati in fibra di vetro, invece, è perfetta se si cerca un materiale idrorepellente.

Carta da parati wallpepper
Foto Wallpepper

I prezzi della carta da parati

Il prezzo varia molto in base al materiale, alla posa e alla stampa, ma per un prodotto di qualità di parte dai 90€ al metroquadro, per arrivare alla più costosa (in fibra di vetro) introno ai 130 €/mq + IVA, posa esclusa.

Le migliori carte da parati per decorare alla casa

Veniamo ora ai marchi, i migliori in commercio sono Wall&Decò, Glamora, Inkiostro Bianco, Tecnografica, Cole&Son, Christian Fischbacher, Elitis, Creativespace, Wallpepper, London Art, Murals Wallpaper e Instabile Lab.

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection