Come svegliare i bambini per andare a scuola

La sveglia al mattino per i bambini che devono tornare a scuola non è facile, ma con i nostri consigli tutto sarà più divertente. Scopri quali sono!

mamma e figlia a letto

Foto Pexels | Andrea Piacquadio

Svegliare i bambini al mattino non è facile. Se siete mamme che lavorano e dovete farlo per forza tutti i giorni, per portarli al nido o dai nonni, sapete bene quanto sia faticoso questo primo step mattutino. Fatica che diventa doppia dal momento in cui riapriranno le scuole: sarà decisamente complicato far combaciare tutti gli orari della famiglia e, inevitabilmente, mamma e papà dovranno mettere le lancette della loro sveglia qualche minuto prima rispetto al solito. Ma qual è il vero segreto per svegliarli senza cominciare la giornata in modo frenetico?

Svegliare i bambini al mattino

Partendo dal presupposto che gli esperti invitano i genitori a dare routine ai bambini, svegliandoli alla stessa ora anche d’estate e nei weekend, sappiamo tutti che se è possibile dormire qualche ora in più nei giorni di festa non fa male a nessuno. Occhio però al ritorno a scuola dei bambini, perché toccherà cominciare presto ad abituarli nuovamente alla sveglia!

Voi genitori dovrete avere molto tatto e, soprattutto, organizzazione. Tutto il possibile andrà preparato la sera prima: scrivete una lista di cose da fare per il ritorno dei bambini a scuola, specificando quello che non potete anticipare e che andrà fatto per forza appena svegli e quello che invece potete fare prima.

Preparate i vestiti che dovranno essere indossati da tutta la famiglia, preparate zaini, borse con tutto il necessario, caricate cellulari e computer portatili e mettete tutto quello che dovrà essere caricato in macchina di fianco alla porta. In questo modo sarà impossibile dimenticarsi qualcosa!

Altro step fondamentale per la sera prima: i bambini devono dormire almeno 8/9 ore, quindi devono essere a letto ad un orario adeguato.

Sveglia dolce per bambini

Mettete la sveglia una mezz’oretta prima rispetto al solito in modo da avere più tempo a disposizione per svegliare i bambini dolcemente e con pazienza. A questo punto potrete andare in camera di vostro figlio per svegliarlo. La luce sparata negli occhi non è un buon sistema, così come non lo è la finestra aperta in pieno inverno: per i bambini più piccoli potete pensare ad una canzoncina del risveglio, mentre per i più grandi provate a far loro delle coccole… questo è il momento giusto!

Una volta scesi dal letto, create una routine che sia un gioco, così anche i più piccoli potranno imparare divertendosi. Non bisogna perdersi in chiacchiere, ma nemmeno fare tutto come se fosse una catena di montaggio, altrimenti il risveglio diventa un vero e proprio incubo. Nonostante sia presto, sorridete: è fondamentale far iniziare ai bambini la giornata in allegria, rispettando i loro tempi.

L’ultimo consiglio, ma anche il più prezioso è il seguente: non seguite questi consigli dal primo giorno di scuola, iniziate già qualche settimana prima. Avrete tempo di abituarvi e i più piccoli recupereranno i ritmi dell’anno scolastico!

Parole di Chiara Ricchiuti