Ecco come scattare foto professionali con il tuo iPhone

Scattare foto che sembrino opera di un professionista è facile, basta seguire qualche semplice consiglio. Eccone 10 per scatti pazzeschi

foto iPhone lucine notte

Foto Pixabay | Pexels

Quando si parla di fotografia, ormai raramente si parla di macchine fotografiche. Viviamo nell’era degli scatti da smartphone, postati sui social e modificati con app e filtri. Ma questo non vuol dire che le nostre foto non debbano sembrare professionali.

Ecco come scattare fotografie pazzesche, che sembrano fatte da un professionista, con il vostro iPhone.

Tenete pulite le lenti dell’iPhone

Gli ultimi modelli non hanno più una sola fotocamera, e nemmeno due, ma ben tre. La superficie dell’obiettivo quindi si fa via via più ampia, e ha bisogno di essere sempre pulita per evitare aloni e macchie.

Nel dubbio, scattate all’esterno

Il fattore più difficile da gestire quando si scatta con uno smarphone è la luce. Nelle macchine professionali si può facilmente regolare la quantità di luce, ma in un iPhone questa possibilità è notevolmente ridotta. Per questo scattare all’esterno è la migliore scelta e ci permetterà di sfruttare la luce naturale.

foto fotocamera iPhone
Foto Pixabay | Pexels

Usate la griglia per le foto

Avrete sentito parlare della regola dei terzi: è quella che si applica utilizzando la comodissima griglia preimpostata nella fotocamera dei nostri smartphone. In questo modo si potrà facilmente individuare il focus (generalmente, i due incroci in alto) e le simmetrie saranno perfette.

Separa il soggetto dallo sfondo

Questo trucchetto è ancora più facile nei nuovi modelli: l’effetto blur sullo sfondo, quando ben calibrato, può elevare di molto la qualità delle nostre foto. Non bisogna esagerare, per non creare uno squilibrio eccessivo, ma una leggera sfocatura sullo sfondo accompagnerà naturalmente (e incosciamente) il nostro occhio là dove lo vogliamo.

foto fotocamera palazzo iPhone
Foto Pixabay | Free-Photos

Impara ad usare la modalità HDR

Molti si sono chiesti, spesso, che cosa sia quell “HDR” in alto sulla fotocamera, ve lo spieghiamo. La modalità HDR è quell ache ci permette di “neutralizzare” la luce dello sfondo, che renderebbe il soggetto in primo piano nero. Inoltre, è ottima per le foto all’interno perché mitiga le ombre.

Inquadra al livello degli occhi

Questa si ricollega alla griglia: l’inquadratura perfetta per un ritratto è quella che fa corrispondere agli incroci superiori della griglia gli occhi del soggetto. Ovviamente, non sempre si scattano ritratti. Se nella foto la persona dovrà apparire a misura intera, è bene che il centro della foto sia a livello della loro vita.

foto iPhone ritratto ragazza
Foto Pixabay | Free-Photos

Non fare troppo affidamento sulla modalità ritratto

Certo, la modalità ritratto è una comodità, ma non è sempre la scelta migliore. Spesso le impostazioni automatiche dell’iPhone creano l’effetto sfuocato là dove non dovrebbe esserci, oppure creano strani effetti di luce. 

Non esagerate con i filtri per le foto

I filtri sono una funzionalità di iPhone davvero fantastica, che ci permette di migliorare le foto e di esaltarne i punti forti. Instagram poi li ha portati all’ennesima potenza. Anche troppo. Si rischia di ritrovarsi con una foto che assomiglia ad un fumetto. Quindi, non esagerate con i filtri per le foto.

Utilizzate la modalità multi scatto più spessp

Vi sarà certamente capitato di premere troppo a lungo il bottone di scatto, ritrovandovi improvvisamente con una carrellata di fotografie. Ecco, per quanto alle volte questo possa essere un errore, dovreste utilizzare la modalità multi scatto più spesso. È utile quando si devono scattare fotografie in movimento o con molti soggetti.

foto iPhone notte griglia skyline
Foto Pixabay | Free-Photos

Puntate a fare una bella foto subito, non a modificarla poi

In ultimo, ma non ultimo: mirate a fare una bella foto subito e non scattate pensando che “tanto poi la modifico”. Se la fotografia sarà già di per sé bella, non avrà bisogno di modifiche e filtri, e il risultato sarà garantito.

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection