Come fare la lana cotta con la lavatrice

Come fare la lana cotta con la lavatrice? Oggi vi proponiamo un tutorial fantastico per fare in casa la lana cotta utilizzando vecchi maglioni, sciarpe e ecc

Pubblicato da Serena Vasta Giovedì 24 novembre 2011

Come fare la lana cotta con la lavatrice

La lana cotta è fantastica, vero? Purtroppo acquistarla è abbastanza dispendioso quindi se non siete pratiche della lavorazione di questo speciale tessuto potete fare in casa la vostra lana cotta usando maglioni, sciarpe e cappelli che non usate più o che sono un po’ vecchi o che hanno subito un lavaggio sbagliato. Innanzitutto facciamo il punto sulla differenza tra lana cotta, feltro e pannolenci. Feltro e pannolenci si ottengono dalla lana cardata, quella normale per il feltro, quella pecora e pelo di capra mohair per il pannolenci che è più sottile. Dalla lana intrecciata, cioè la lana filata, si ottiene la latta cotta.

Riassumendo i processi sono questi:
lana cardata —-> infeltrimento —-> feltro/pannolenci
lana filata lavorata a maglia —-> follatura —-> lana cotta

Noi oggi ci occupiamo della lana cotta, quindi prendete capi di lana vecchi, infeltriti, fuori moda ecc, l’importante è che siano composti per il 60% da lana. Mettete tutto dentro una federa che presenta i bottoni o la zip, e poi via lavatrice, dentro mettete anche cose dure tipo scarpe da tennis o jeans. Fate un lavaggio a 60 gradi e poi subito dopo fatele uno a freddo.

A questo punto i vostri capi di lana si saranno infeltriti parecchio, se però non siete soddisfatte del risultato potete ripetere l’operazione altre volte fino a raggiungere la consistenza desiderata.

Una volta fatti i lavaggi dovete mettere la vostra lana cotta su un piano e farla asciugare, potete tirare un po’ gli angoli per cominciare a dare la forma desiderata.

A questo punto la vostra lana cotta è pronta per essere lavorata, cucita, tagliata e incollata (con la colla a caldo).