Arredamento: arredare con la luce

I designer e gli architetti di tutto il mondo stanno unendo le forze per unire design e funzionalità per arredare la casa in funzione dell'illuminazione e non più il contrario. Ecco alcuni esempi possibili e qualche esempio pratico.

Arredamento luminoso

Foto di Interior Design/Shutterstock.com

Negli ultimi anni, architetti e designer stanno lavorando insieme per sviluppare nuovi ambienti della casa, sfruttando molto la luce come protagonista e non più come un fattore secondario dell’arredamento delle stanze. Il posizionamento delle lampade e dei sistemi di illuminazione diventa quindi parte integrante del progetto. Nasce quindi la necessità di studiare l’illuminazione e il suo posizionamento, nonché far conciliare il più possibile il concetto di casa luminosa con quello del risparmio energetico. E’ con questo proposito che si decide di posizionare delle barre a neon dietro a delle velette in cartongesso per nascondere il tubo un po’ antiestetico se lasciato a vista.

Si potrebbero anche studiare dei sistemi di faretti orientabili nelle camere da letto o in prossimità di qualche quadro, in modo da illuminarlo ed evidenziarlo, senza sprechi di luce. L’azienda Viabizzuno ad esempio propone questo tipo di illuminazione mettendo sul mercato i modelli SP1, Spot One, Spot Two e Spot Three, i quali possiamo applicarli semplicemente a muro o servirci di binari e staffe.

Perché non sfruttare le nuove tecnologie che ci offrono lampade a led, da incassare in qualche punto intelligente della stanza, in modo da sottolineare e risaltare dei dettagli architettonici della casa o pareti tinteggiate in maniera artistica, unendo l’eleganza al risparmio energetico assicurato.

Un’altra arma a doppio taglio sono gli oggetti di design che uniscono il concetto di decorazione artistica all’obiettivo di dare luce alla stanza. Kundalini ha pensato proprio a questo quando ha pensato a piantane come Kyudo composto da un paio di archi metallici su cui scorrono delle lampade a led, oppure Shakti, formato da un diffusore tubolare a due uscite che permettono di illuminare in due diverse direzioni mediante una lampada a led al suo interno. Da valutare anche la possibilità di lampadari a sospensione con diffusori in vetro soffiato e sabbiato internamente come il Pluto Ciling.

Possiamo dire quindi che i designer non ci fanno mancare la possibilità di arredare con la luce qualsiasi ambiente e in qualsiasi modo. Rimane solo l’imbarazzo della scelta.

Parole di Ryan86