Natale 2016

Violenza sulle donne nella storia: i casi più eclatanti che fanno riflettere sul fenomeno

Violenza sulle donne nella storia: i casi più eclatanti che fanno riflettere sul fenomeno
da in Cronaca, Violenza sulle donne
Ultimo aggiornamento:
    Violenza sulle donne nella storia: i casi più eclatanti che fanno riflettere sul fenomeno

    La violenza sulle donne è un fenomeno sociale atroce e ingiustificabile che ha radici antichissime. La matrice della violenza contro le donne può essere rintracciata ancor oggi nella disuguaglianza dei rapporti tra uomini e donne. Un tema molto delicato e importante che per tanti secoli è stato snobbato, minimizzato e anche ridicolizzato. Soltanto a partire dalla metà del Novecento, l’argomento non è diventato più un tabù. Questa piaga sociale è stata duramente condannata dall’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) che ha adottato la Dichiarazione sull’eliminazione della violenza contro le donne con la risoluzione 48/104 del 20 dicembre 1993.

    La risoluzione ONU 48/104 del 1993 ha stigmatizzato “ogni atto di violenza fondata sul genere che abbia come risultato, o che possa probabilmente avere come risultato, un danno o una sofferenza fisica, sessuale o psicologica per le donne, incluse le minacce di tali atti, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, che avvenga nella vita pubblica o privata” e viene riconosciuta come rafforzamento dei lavori della Convenzione sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione della donna e la Dichiarazione e Programma d’azione di Vienna. Nel 1999 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha designato il 25 novembre come la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. I casi di violenza sulle donne sono purtroppo tanti e quotidiani sia in Italia sia nel resto del mondo.

    Flash mob per la campagna «Le parole non bastano più»

    I casi di cronaca in Italia si susseguono e sono tutti eclatanti e agghiaccianti… Ogni giorno si verificano maltrattamenti fisici e psicologici, atteggiamenti persecutori, percosse, abusi sessuali, delitti d’onore, uxoricidi passionali o premeditati e atti di violenza nei confronti delle donne. Sono purtroppo anche numerosi i casi di omicidio doloso o preterintenzionale in cui una donna viene uccisa da un uomo per motivi basati sul genere. Crimini contro l’umanità che maturano nella maggior parte dei casi in ambito familiare o all’interno di relazioni sentimentali poco stabili. Un bollettino da guerra che fa davvero rabbrividire… Tantissime donne vittime di un amore malato e criminale, come Sara di Pietrantonio, la giovane 22enne arsa viva dall’ex fidanzato dopo che si erano lasciati e morta tra le fiamme. Il ragazzo l’ha riempita di benzina, le ha dato fuoco ed è stata ritrovata da sua madre, carbonizzata, tra l’indifferenza delle poche auto che transitavano per via della Magliana.

    GUARDA I DATI SULLA VIOLENZA SULLE DONNE IN ITALIA

    Carla Ilenia Caiazzo è stata bruciata dal fidanzato Paolo Pietropaolo al culmine di una violenta lite. La donna di soli 38 anni è stata inizialmente ricoverata presso l’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli dove i medici sono riusciti a farla partorire ed è fortunatamente fuori pericolo. La fine della relazione è stata la causa della strage familiare a Taranto: la follia omicida di Luigi Alfarano si è riversata nei confronti di Federica De Luca, proprio il giorno in cui avrebbero dovuto ufficializzare la separazione. In questo caso purtroppo la vittima innocente è stato anche il piccolo figlio della coppia, ucciso nella casetta al mare. Michela Baldo è stata uccisa con due colpi di pistola dall’ex fidanzato Manuel Venier dopo 3 anni di relazione.

    VIOLENZA SULLE DONNE, ECCO I NUMERI E LE ISTITUZIONI PER CHIEDERE AIUTO

    Buenos Aires, manifestazione nella Giornata contro la violenza sulle donne

    Il 35% delle donne nel mondo ha subìto una violenza fisica o sessuale dal proprio partner o da un’altra persona. Due terzi delle vittime degli omicidi in ambito familiare sono donne. Uno dei casi più eclatanti nella storia è il brutale e abominevole assassinio delle tre sorelle Mirabal nel 1960. Le tre donne rivoluzionarie della Repubblica Dominicana erano piuttosto note e impegnate nella lotta contro il regime del dittatore Rafael Leonidas Trujillo. Il 25 novembre 1960 le sorelle Mirabal mentre si recavano a far visita ai loro mariti in prigione furono bloccate sulla strada da agenti del Servizio di informazione militare e furono condotte in un luogo nascosto nelle vicinanze. Le tre sorelle furono barbaramente torturate, massacrate a colpi di bastone, strangolate, e poi gettate in un precipizio, a bordo della loro auto, per simulare un incidente.


    LEGGI LE FRASI PIU’ BELLE PER COMBATTERE LA VIOLENZA SULLE DONNE

    Ancora oggi lo stupro rappresenta un’arma da guerra in diversi Stati: dalla Siria al Congo fino al Sudan. In India, come ha rivelato Save the Children, le donne e le ragazze continuano a essere vendute come schiave, date in sposa anche a 10 anni, bruciate vive e abusate sessualmente. In Pakistan le donne continuano a subire stupri, delitti d’onore, nozze forzate e prostituzione forzata. Tanti casi di stupro di gruppo si verificano in diverse nazioni. Ad esempio in Brasile il 21 maggio 2016 una ragazza di 16 anni è stata drogata e ripetutamente violentata mentre era in stato di incoscienza da 33 uomini che hanno poi condiviso il video dell’orrore su Twitter. Qualche giorno dopo, un’altra giovane brasiliana di 17 anni è stata vittima di uno stupro di gruppo da parte di 5 uomini nello Stato nord orientale di Piauí. Barbarie, crimini contro l’umanità e violazioni di diritti umani che vanno fermati, condannati e puniti con maggiore fermezza, rigore e tempestività dalla comunità internazionale.

    SEGUI LA PAGINA FACEBOOK CHE CONTRASTA LA VIOLENZA SULLE DONNE

    1155

    Il lato oscuro delle coppie felici
    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CronacaViolenza sulle donne

    Natale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI