Punture di insetti: le immagini per riconoscerle
Il contenuto sarà visibile tra 3

CHIUDI E VAI ALLA GALLERY

x
Mamma che mette lo spray anti insetti al figlio

Foto Shutterstock

1 di 12Pappataci: foto di punture di insetti

Numerose sono le specie di insetti, pappataci e altri artropodi responsabili di morsi e punture a carico dell’uomo e degli animali. Alcuni morsi e punture, come ad esempio quelle rilasciate da pappataci, ragni e scorpioni, sono assai dolorose e possono necessitare di un intervento sanitario repentino, soprattutto qualora il soggetto dimostri una ipersensibilità alla puntura. Non bisogna dimenticare, inoltre, che le punture possono veicolare l’ingresso nell'organismo di patogeni e quindi essere la causa potenziale di infezioni o patologie dovute a parassiti, batteri o virus. Ma cosa sono i pappataci? Sono simili a delle zanzare di piccole dimensioni che se attaccano lasciano nella pelle delle bolle rosse ed estremamente pruriginose che possono essere curate con delle creme ad hoc. In questa gallery potrete trovare alcune foto di punture di pappataci. Zanzare, flebotomi, pulci e zecche sono notoriamente vettori responsabili della trasmissione di malattie parassitarie, batteriche e virali nell'uomo e negli animali domestici anche in Italia. Imparare a riconoscere nell'immediato punture e morsi di insetti e artropodi, benché non sempre semplicissimo, sarà molto importante per capire se rivolgersi immediatamente al medico o trattare la lesione tranquillamente a casa. Sfogliate la gallery per vedere le diverse tipologie di punture di insetto.

Puntura di zanzara

1 di 12Puntura di zanzara

Puntura di pulce

1 di 12Puntura di pulce

Puntura delle cimici da letto

1 di 12Puntura delle cimici da letto

Puntura di zecca

1 di 12Puntura di zecca

Punture di insetti: le immagini per riconoscerle

Continua a leggere

In evidenza

Continua a leggere

Gallery più viste

© 2005-2020 Deva Connection s.r.l - Tutti i diritti riservati.

Pourfemme, supplemento alla testata giornalistica NanoPress.it registrata presso il Tribunale di Roma n° 2 del 16 gennaio 2020.