Anestesia epidurale: informazioni utili

Con l'epidurale si può partorire senza dolore. L'anestetico viene iniettato in un tubicino nella schiena della madre e non passa nel sangue del bambino perchè raggiunge la zona intorno al midolo spinale della madre

Anestesia Epidurale

paulaphoto | Shutterstock

Ultimamente si sente sempre più spesso parlare di anestesia epidurale, cioè del parto indolore. Di cosa si tratta? Alla partoriente, durante il travaglio, viene eseguita un’anestesia locale che elimina la percezione del dolore, ma mantiene sveglia la donna, che quindi può partecipare attivamente al parto.

L’anestesia epidurale è un anestetico che viene iniettato alla madre attraverso un piccolo tubicino inserito nella schiena. Le domande riguardo questa pratica, però, sono davvero tanto: fa male? quali sono i rischi? quali i vantaggi? Ecco tutto ciò che dovreste sapere riguardo il parto con epidurale!

Anestesia epidurale fa male? 

Cerchiamo di capire bene in cosa consiste l’anestesia epidurale.
Il nascituro non subisce alcun tipo di effetto dell’anestesia, perché l’anestetico, come detto anche poco fa, viene iniettato alla madre attraverso un piccolo tubicino nella schiena. Il farmaco anestetico arriva nello spazio intorno al midollo spinale, cioè nella zona dove ci sono i nervi responsabili della sensibilità. L’anestetico non passa nel sangue della madre e di conseguenza, neppure nel sangue del bambino.
Il farmaco iniettato nel tubicino, entra nella zona che circonda il midollo spinale a piccole dosi e in modo continuo, eliminando il dolore durante il travaglio. Stiamo quindi parlando di una procedura del tutto indolore. Quali sono i vantaggi di un parto con epidurale?

Anestesia epidurale: quali sono i vantaggi?

Richiedere l’epidurale per partorire in modo indolore è una procedura che sembrerebbe aver reso contente tantissime mamme. Oltre ad essere indolore, permette di vivere il travaglio in maniera più tranquilla e arrivare al parto in maniera più rilassata. Infatti, affrontare un travaglio stancante e di lunga durata, potrebbe causare eccessivo stress alla partoriente e arrivare quindi al momento delle spinte priva di forze. Riduce, quindi, lo stress per la futura mamma. Inoltre, in tantissime strutture sanitarie l’anestesia epidurale viene effettuata in modo del tutto gratuito.

I rischi da conoscere

Partorire senza dolore è possibile grazie all’epidurale, ma essendo una vera e propria anestesia può comportare dei rischi. La gestante potrebbe andare incontro ad una cefalea ortostatica che potrebbe persistere nei giorni successivi, mentre nel momento del travaglio potrebbe presentarsi formicolio alle gambe e la pressione sanguigna potrebbe abbassarsi. Inoltre, bisogna prendere in considerazione il fatto che in determinate situazioni non è assolutamente consigliabile. Non vi resta che scoprire di più riguardo i rischi dell’epidurale.

Parole di Chiara Ricchiuti

Classe 1996, sono Chiara, da sempre affascinata dal web e dal blogging. Se mi chiedessero di descrivermi in tre aggettivi userei i seguenti: sognatrice, curiosa e determinata.