Come curare le piante: l’Elicriso

Come curare le piante: l’Elicriso
da in Cura Piante, Piante E Fiori, giardino, oli essenziali
Ultimo aggiornamento:

    L’Elicriso è la pianta da fiore di cui parlerò oggi; si tratta di una specie erbacea da esterno, molto bella e aromatica, ideale per ornare aiuole, giardini, ma anche balconi e terrazzi perchè si adatta bene alla coltivazione in vaso. Il suo nome deriva dal greco Eliochryson (Elios: sole e chrysos: oro). La particolarità della pianta di Elicriso è la sorta di peluria biancastra che la ricopre completamente e che le dona un forte profumo. L’Elicriso fiorisce durante l’estate e i suoi fiori sono gialli, giallo-arancione o color crema. In tutto ci sono circa 500 specie di Elicriso le cui dimensioni non superano mai il metro di altezza.


    Questa pianta è originaria delle zone temperate dell’Europa, dell’Asia e dell’Oceania.

    L’Elicriso va messo in una posizione soleggiata ma al riparo dal vento; durante l’inverno, se la pianta è coltivata nel vaso, va messa al riparo, mentre se è stata piantata in giardino, va protetta con foglie secche o paglia, in modo da proteggere le radici dal gelo.

    Per le annaffiature, bisogna procedere come per la maggior parte delle piante: tenere il terriccio umido, evitando i ristagni e la siccità prolungata. Ogni 2-3 anni, in primavera, l’Elicriso piantato nei vasi va rinvasato.

    I fiori di Elicriso possono essere seccati e utilizzati per composizioni. L’Elicriso è apprezzato in fitoterapia per il suo olio essenziale, ottimo per curare eczemi, ustioni, eritemi solari e psoriasi. Le sue foglie vengono utilizzate in cucina e il sapore assomiglia moltissimo al curry.

    309

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Cura PiantePiante E Fiorigiardinooli essenziali

    Speciale Pasqua

     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI