Capelli ricci e mossi: come evitare l’effetto crespo?

Foto Capelli Ricci e Mossi

L’inverno, con il suo carico di umidità, è semplicemente l’incubo di tutte noi dalla chioma riccia o mossa! Chi è portatrice di questo tipo di acconciatura, mi può capire, e può capire anche il malumore determinato da una giornata di pioggia!

  • capelli 1
  • capelli 2
  • capelli 3
  • capelli 4
  • capelli 5
  • capelli 6
  • capelli 7
  • capelli 8

Può capire anche le mille preoccupazioni e gli scongiuri sulla resistenza dei nostri capelli a quell’orribile effetto crespo! E anche le corse a cercare un cappello, a infilarsi i capelli sotto il cappotto e tutto il resto. Io, almeno, faccio così, qualcuna di voi confermerà, penso!

Ma esiste un modo per impedire all’umidità di rovinare i nostri riccioli rendendoli più resistenti al crespo? Beh, sembrerebbe proprio di sì, almeno, così da più parti si assicura! In questo post cercherò di raggruppare le informazioni che ho raccolto e poi… non ci resta che sperimentare e provare sulla nostra pelle, anzi, sui nostri capelli!

Innanzitutto, in caso di pioggia, bisognerebbe utilizzare degli appositi prodotti “last minute” cioè da usare quando si presenta il problema per creare una sorta di scudo protettivo del capello. Ma la perfezione della messa in piega, non è minacciata solo dalla pioggia: stessa situazione disastrosa con l’umidità ma anche a causa del passaggio dal freddo dell’esterno al calore degli ambienti chiusi!

Ma dato che uscire nonostante la pioggia e l’umidità è proprio inevitabile, ovviamente, allora meglio pensarci prima, e più che correre ai ripari, cercare di prevenire! Come? Innanzitutto, curando i capelli, in modo da renderli meno vulnerabili e soprattutto acquisire l’abitudine di acquistare e usare dei buoni prodotti che abbiano l’effetto di creare sul capello un filtro protettivo, sigillandolo.

I l problema del crespo è legato alla struttura del fusto del capello: se le scaglie che lo ricoprono sono ben chiuse, impermeabilizzano il capello, rendendone la superficie uniforme. Viceversa, se sono aperte, l’umidità riesce a penetrare. Il risultato è che il capello si elettrizza, producendo quell’odioso effetto fizz!

Ma dal momento che le squame si aprono quando il capello è arido, (quando il fusto si secca determina l’apertura delle squame, che lo rendono crespo), la prima regola da seguire è: nutrire e idratare regolarmente e con costanza il capello, perché la prima causa del crespo è la secchezza e l’aridità del capello!

Dunque, l’utilizzo di prodotti appositamente studiati per sigillare il fusto, come creme e sieri, è d’obbligo! Questi prodotti, che si usano dopo lo shampoo, si distribuiscono sui capelli umidi o asciutti e creano una specie di guaina protettiva sul capello.

Un effetto eccezionale sembra abbia l’impacco idratante. Come realizzarlo? Basta applicare una dose generosa di maschera idratante e nutriente sui capelli lavati e tamponati e avvolgerli con la pellicola trasparente: il calore che si crea grazie alla pellicola, fa sì che il principio attivo della maschera penetri meglio nel capello.

Ricordatevi, però, ti tenere l’impacco per mezz’ora almeno, se possibile ancora di più (magari mentre fate la manicure, una maschera per il viso, o altro). Ripetete il trattamento una volta a settimana per tre volte di seguito. Poi, una volta terminata la cura intensiva, basterà una volta al mese: i vostri capelli, vi ringrazieranno (e anche il vostro look!)!

  • capelli 1
  • capelli 2
  • capelli 3
  • capelli 4
  • capelli 5
  • capelli 6
  • capelli 7
  • capelli 8
Segui Pour Femme

Lunedì 03/11/2008 da

Commenti (2)

Ricorda i miei dati

Pubblica un commento
Polly 8 novembre 2008 14:39

wow!!quanti consigli preziosi!!!grazie marimari!!ankio ho i capelli ricci e da poco ho sperimentato l’uso di un prodotto ottimo ke metto dopo lo shampoo!!rende i capeli disciplinati e li lucida anke!!ma nn vi svelerò mai il nome!!!

Rispondi Segnala abuso
Paffy 21 gennaio 2010 14:50

A costo di ripetermi… Che cavolo di commento infantile è il tuo?

Rispondi Segnala abuso
Scopri PourFemme
torna su