Vasco Rossi: le frasi e le canzoni più belle

Le canzoni di Vasco Rossi sono tra le più famose della musica italiana, album conosciuti e cantati da intere generazioni accomunate dalla grande passione per i testi e la musica del Blasco. Il 2017, con il Modena Park, ha registrato un concerto sold out di oltre 220mila persone: un record di pubblico, sintomo del carisma di un uomo che ha tradotto in musica il suo personalissimo modo di concepire il mondo.

da , il

    Vasco Rossi: le frasi e le canzoni più belle

    Le frasi e le canzoni più belle di Vasco Rossi non sono facili da decifrare nella grande discografia del rocker: è così vasta la produzione di opere musicali di successo, dal grande rilievo artistico, persino poetico, che è veramente difficile sceglierne alcune piuttosto che altre. Proveremo a fare una piccola sintesi dei brani che maggiormente hanno avuto effetto nella vita di milioni di persone, con parole che si sono legate in modo indissolubile a momenti di vita, gioie e dolori di intere generazioni. Il concerto 2017 di Vasco Rossi, Modena Park, che si è tenuto il 1° luglio, ha registrato una tappa sold out tra le più grandi di tutta Europa: 230mila spettatori al live più esplosivo dell’artista, che ha celebrato i suoi 40 anni di carriera con un evento di proporzioni colossali. Dai più piccoli, alle prese con le prime note di Albachiara su una chitarra, ai più grandi, amanti del Vasco di ieri e di oggi, il popolo che lo segue da decenni non accenna a diminuire. L’effetto Vasco moltiplica la forza della musica, e i versi che ha consegnato a composizioni musicali orecchiabili ma sempre differenti sono davvero tra i più suggestivi ed evocativi.

    Le frasi delle canzoni più celebri di Vasco Rossi

    Le frasi di Vasco Rossi, quelle delle canzoni immortali come il suo mito, appartengono a ballad storiche e sanguigni affondi nel rock. I testi delle canzoni di Vasco Rossi contengono riflessioni sulla vita, l’amicizia, l’amore, la carnalità dell’esistenza e la morte. Tutto racchiuso nell’unico modo possibile, per il Blasco, di far arrivare tutte le sue emozioni, la musica.

    Per cominciare con le frasi di Vasco sulla vita, eccone alcune che sono diventate a buon diritto dei veri e propri spunti filosofici da cui guardare il mondo:

    “Siamo solo noi… Generazione di sconvolti che non ha più Santi né Eroi… Siamo solo noi” (Siamo solo noi, 1981)

    “Voglio una vita spericolata, voglio una vita come quelle dei film. Voglio una vita esagerata, voglio una vita come Steve McQueen” (Vita spericolata, 1983)

    “Vivere, anche se sei morto dentro vivere, e devi essere sempre contento vivere, è come un comandamento vivere… o sopravvivere… senza perdersi d’animo mai e combattere e lottare contro tutto contro” (Vivere, 1993)

    “Le regole sono così: è la vita ed è ora che cresci, devi prenderla così” (Stupendo, 1993)

    “Perché la vita è un brivido che vola via, è tutto un equilibrio sopra la follia…Sopra la follia” (Sally, 1996)

    “Sai che cosa penso? Che se non ha un senso, domani arriverà…Domani arriverà lo stesso” (Un senso, 2004)

    Tra le frasi di Vasco sulle emozioni, sull’amore e la voglia di trovare un posto nel cuore di una donna, troviamo queste:

    “E tu, chissà dove sei, anima fragile, avrai trovato amore o come me cerchi solo le avventure perché non vuoi più piangere… E la vita continua anche senza di noi, che siamo lontani ormai” (Anima Fragile, 1980)

    “Le canzoni sono come i fiori: nascono da sole, sono come i sogni e a noi non resta che scriverle in fretta perché poi svaniscono e non si ricordano più” (Una canzone per te, 1983)

    “E adesso invece non ci credo più, non credo più a niente e la mia vita non la rischio più per nessuno e per niente” (Brava Giulia, 1987)

    “E ho guardato dentro un’emozione e ci ho visto dentro tanto amore che ho capito perché non si comanda al cuore” (Senza parole, 1994)

    “Mi aiuto con le illusioni e vivo di emozioni che tu non sai nemmeno di darmi” (Rewind, 1998)

    Vasco Rossi, canzoni vecchie e nuove senza età

    La carriera artistica di Vasco, il cui esordio risale al 1977, conta una discografia di 30 album ufficiali, tra cui 17 registrati in studio, 9 dal vivo, 1 EP e 3 raccolte.

    Vado al massimo (1982)

    Con il brano Vado al massimo, c’è il primo faccia a faccia, senza troppi giri di parole, tra il Blasco e certa critica che lo aveva duramente “sezionato” dopo l’arrivo in finale a Sanremo 1982: il testo è uno sberleffo rivolto in particolare al giornalista Nantas Salvalaggio che, in un articolo dal titolo Anche alla TV c’è l’”ero” libera, lo aveva definito “alcolizzato e drogato”.

    Albachiara (1983)

    È il primo grande successo di Vasco, e il suo titolo racchiude la quintessenza della discografia dell’artista: Albachiara, del 1983, è ispirato da una ragazzina di 13 anni, che il cantante vedeva alla fermata del bus a Zocca, sua città natale, il cui incontro è raccontato da Una canzone per te.

    Sally (1996)

    Sally, pietra miliare della carriera di Vasco, segna un importante punto a favore del cantautorato impegnato, quello da “pelle d’oca”, a dispetto del tenore di sfrontato provocatore che molti avevano attribuito all’artista. Il racconto di una donna, all’apice dell’analisi della sua vita, offre un punto di vista profondo dell’universo femminile.

    Senza parole (1994)

    Senza parole è la storia di un abbandono, della perdita di un amore mai del tutto assaporato fino in fondo, che porta l’artista a immergersi nella consapevolezza di “amare l’amore”, nonostante la sconfitta. Si tratta di una delle canzoni più sentite di Vasco, che regalano al pubblico dei suoi concerti emozioni sempre nuove e ricordi impressi nel cuore.

    Gli angeli (1996)

    Brano dedicato al manager e amico di Vasco, Maurizio Lolli, morto di cancro, Angeli è un capolavoro intimista che racconta l’addio alla vita. Il video ufficiale, diretto da Roman Polanski, è tra i più costosi mai realizzati nella musica italiana.

    Come nelle favole (2016)

    Vasco Rossi in Come nelle favole è l’eroe romantico che canta l’amore e la passione che fuggono, chiuse nella mente e impossibili da tradurre in realtà. Racconta il sapore di un bacio mai dato, del desiderio di una donna a stento sopito, cristallizzato in un “Io e te” che tutto conclude e nulla risolve.

    Un mondo migliore (2016)

    Un mondo migliore di Vasco Rossi è un singolo estratto dall’antologia VascoNonStop, pubblicato nel 2016. Nato come un inno alla speranza che non deve morire, il brano è stato accolto con grande entusiasmo dai fan del Blasco. Parla di partenze e ritorni, della difficoltà di adattamento a luoghi sconosciuti, sino alla finale ricostruzione della vita, che riesce a trovare la sua strada anche dove non si immaginava potesse resistere.

    Dolcetto o scherzetto?